Le isole Bermuda, un angolo di paradiso

0
5

Le Isole Bermuda sono uno tra i luoghi più affascinanti del mondo. Ogni anno sono tantissimi i turisti che decidono di venire a trascorrere una vacanza in quello che è, un vero e proprio angolo di paradiso.

arcipelago delle Bermuda. Photo Credit: Canil Viaggi

La città di Hamilton

Senza dubbio il primo luogo da visitare non può che essere Hamilton. Capitale delle Isole Bermuda. Questo è infatti l’unico vero centro urbano di tutte le Bermuda e si può definire come una sorta di Londra in miniatura. A differenza dell’originale, splende il sole e il clima è tropicale. La città venne fondata a fine 1700 e divenne capitale delle Bermuda nel 1815. Tra i luoghi da visitare in città vi è senza dubbio Fort Hamilton. Questo antico forte consente di avere una panoramica interessante sulla città e di calarsi in quello che è stato il passato di questo insieme di isole. Una curiosità: questo forte nacque ancora prima della città stessa e inizialmente non aveva un nome ufficiale. Per chi ama la storia, passeggiando all’interno di Fort Hamilton, si potrà arrivare ad una zona dove sono custoditi dei cannoni risalenti al periodo della Seconda Guerra Mondiale.

I poli Museali più importanti

Successivamente ci si può recare al Masterkorks Museum. Uno dei poli museali più importanti di Hamilton. Questo polo museale fornisce la possibilità di ammirare alcune rappresentazioni grafiche delle Bermuda, che ne raccontano il passato, anche remoto. All’esterno di questo particolare museo si trova quello che è da considerarsi il giardino botanico più importante della città. Qui gli abitanti di Hamilton sono soliti rilassarsi. Legato alla leggenda del Triangolo delle Bermuda è il Bermuda Underwater Exploration Institute, che si trova in realtà poco fuori Hamilton. Visitandolo si ha modo di capire cosa si cela dietro gli studi che vengono effettuati quotidianamente relativamente all’oceano che circonda questo arcipelago di isole. Inoltre, si può scoprire molto sulle specie marine che popolano questa zona del mondo, in particolare sul temibile pesce leone. Esemplare che a quanto pare sta creando diversi problemi per quanto concerne l’equilibrio dell’ecosistema marino.

Il lato fashion della città

Città di Hamilton. Photo Credit: Voglio Vivere Così Magazine

Ovviamente nel momento in cui ci si trova in vacanza alle Bermuda non si può non apprezzare gli splendidi tramonti che questa realtà è in grado di offrire in virtù della sua posizione strategica. Tra i tanti punti da cui si può osservare il tramonto nella città di Hamilton merita senza dubbio una menzione speciale Front Street.

 

[travel]

Per chi invece volesse conoscere il lato più fashion della città, non resta che recarsi nella zona dei Dockyards, ovvero quella dove un tempo sorgevano i cantieri navali. Oggi questa parte della città è quella fondamentale per chi vuole fare un po’di shopping.

La città di St. George’s

Il mare e spiaggia delle Bermuda. Photo Credit: GQ Italia

Altra realtà molto interessante è St. George’s, la cui fondazione risale al 1609 e che fu la prima capitale delle Isole Bermuda. Tra i luoghi da vedere qui spicca sicuramente la State House, primo edificio totalmente in pietra di tutte le Bermuda. Decisamente imperdibile è poi il Bermuda Aquarium, la cui inaugurazione è datata 1928 e che è un vero e proprio paradiso per chi vuole scoprire tutto sulle specie marine che popolano le acque che lambiscono l’arcipelago. Inoltre, vale la pena visitare la Turcker House e Kings Square. E’ la più importante chiesa anglicana di St. Peter, mentre la seconda è una piazza dove ancora oggi si ha la possibilità di vedere una gogna che purtroppo in passato è stata utilizzata, il più delle volte per eseguire condanne a morte di chi è venuto meno alle usanze coloniali. Al di là dei ricordi tutt’altro che piacevoli che è in grado di evocare, si tratta di una testimonianza molto interessante del passato di una realtà, quella delle Isole Bermuda, che per fortuna oggi è nota solo per il fatto di essere un vero e proprio paradiso per i turisti e i viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo.

Potrebbe interessarti anche:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here