"Pagheremo i nostri passegeri per volare nel mondo". Wow è la rivoluzione nei voli

Passeggeri pagati per volare con la nuova compagnia Svedese Wow, che ha già conquistato l’interessete di tutti i viaggiatori abituati o meno alle compagnie low cost.

Pagheremo i passeggeri per volare

“Pagheremo i passeggeri per volare”! Questo è l’annuncio che sa un po’ di provocazione fatto da Skuli Mogensen, il numero uno della low-cost. Se questo fosse reale sarebbe una vera e propria rivoluzione con i voli a pagamento al contrario, cioè pagato dalla compagnia. E intanto i prezzi sono sempre più bassi: la compagnia ha già offerto un volo Londra-New York a 149 sterline e per un Boston-Dublino il 26 luglio ve la potevate cavare con 209 euro.

kùli Mogensen, CEO di Wow Air
Kùli Mogensen, CEO di Wow Air

Provate ad immaginare se, invece di pagare, il volo vi venisse regalato. Di più: se vi pagassero per volare con una low cost. È quanto prevede che accadrà (in un futuro non lontano) il Ceo della compagnia islandese Wow. L’affermazione può sembrare un’iperbole, ma ha un suo fondo di verità: quando Skúli Mogensen, dice che «in futuro potremmo arrivare a pagarvi per viaggiare con noi» non dice una bugia.

L’idea è semplice

In effetti, nei piani di molti vettori a basso costo c’è anche la possibilità di premiare i clienti più fedeli — quelli che viaggiano spesso con lo stesso vettore e utilizzano il sito anche per acquistare o prenotare noleggi auto e soggiorni in hotel — con forti riduzioni sulle tariffe o addirittura con biglietti gratuiti o premi in denaro (buoni spendibili in genere). Se ci pensate, quando comprate un biglietto del treno ad alta velocità con i punti accumulati grazie a un programma fedeltà, state di fatto utilizzando un biglietto regalato.

Passeggeri pagati per volare
Passeggeri pagati per volare

Lo stesso potrebbe avvenire sulle nuove tratte transoceaniche della prima low cost (e in seguito delle concorrenti) che ha osato offrire un Londra-New York a 149 sterline (via Reykjavik).

[travel]

Da dove arriveranno gli utili?

Secondo il CEO della compagnia Svedese, Skuli Mogesen, in futuro i guadagni arriveranno più dai servizi extra che dalla vendita dei biglietti aerei. Parliamo di scelta dei posti, imbarco prioritario, bagagli in stiva e pasti in volo.

In più, Wow Air guadagna dalle partnership con hotel, agenzie di noleggio auto e operatori del settore turistico. Infatti, ha dichiarato in un’intervista a Business Insider UK, “Ormai tra breve faremo più soldi grazie alle commissioni degli autonoleggi e degli alberghi con cui collaboriamo. Dunque in futuro non solo distribuire biglietti gratis, ma addirittura pagare i clienti più fedeli pagandoli per imbarcarsi con noi”.

Buon viaggio!

Volare gratis, anzi venendo pagati non è più un’utopia ma sempre più una concreta realtà basata su collaborazioni extra settoriali. Continuate a seguirci per avere informazioni sugli sviluppi di questa idea rivoluzionaria.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here