Il Castello di Fosdinovo nella Lunigiana custode di una triste leggenda di amore e morte

Nella regione storica italiana della Lunigiana si trova il Castello di Fosdinovo, una dimora antica che nasconde una storia terrificante.

Il Castello dei Malaspina e la sua agghiacciante leggenda

Il Castello Malaspina si trova a Fosdinovo, un paese in provincia di Massa Carrara, è il più grane e il meglio conservato della Lunigiana, regione a cavallo tra Liguria e Toscana ricca di bellezze naturalistiche e architettoniche. La Lunigiana infatti viene anche chiamata la terra dei cento castelli.

castello di fosdinovo
Castello Malaspina (castellodifosdinovo.it)

Puntiamo i riflettori sul castello di Fosdinovo, che ancora oggi è avvolto da un alone di mistero che lo rende affascinante.

Il castello di Fosdinovo è stato residenza principale della famiglia Malaspina dal XIV al XVIII secolo. E’ durante il marchesato di Giacomo Malaspina che ha inizio la nostra storia. La giovane figlia del marchese Bianca Maria Aloisa Malaspina si innamorò perdutamente del figlio di uno scudiero, vista la relazione inopportuna i due amanti iniziarono a vedersi clandestinamente. La tresca amorosa venne poi scoperta e i genitori della giovane fecero di tutto per impedirla. I due però non vollero saperne di separarsi e così vennero puniti. Bianca Maria venne mandata in un convento, ma l’amato trovò il modo di farle visita anche lì, così la giovane venne rimandata al castello e lo scudiero venne cacciato dal paese. Secondo un’altra versione invece il ragazzo venne torturato e poi ucciso. La ragazza non volle mai rinnegare il suo amore e così i genitori decisero di murarla viva in un’ala del castello e vi rimase fino alla sua morte. A farle compagnia nella solitudine c’erano un cane, simbolo di fedeltà, e un cinghiale simbolo di ribellione.

castello di fosdinovo
Castello di Fosdinovo (castellodifosdinovo.it)

Ora se facciamo un salto fino agli anni ’80 risultano impressionanti i resti ritrovati nel castello, in seguito ad un intervento di manutenzione. Si trattavano di ossa di una donna e di due animali.

Ancora oggi si racconta che lo spirito di Bianca Maria Aloisa Malaspina, nelle notti di luna piena, vaghi per il castello insieme ad un cane e ad un cinghiale. Alcuni testimoni addirittura affermano di aver visto il fantasma aleggiare nelle stanze della dimora.

Chi è sensibile alle storie di fantasmi troverà la visita al castello da brividi! Mentre per i più coraggiosi sarà comunque un’esperienza interessante per la bellezza architettonica del castello e la meravigliosa regione che lo ospita.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here