Il Vittoriano e la mostra per i cento anni di fotografia Leica

Storia d’amore di questo 2018? Nuovo titolo di un film? O piuttosto l’incontro tra il Vittoriano, monumento, e i grandi maestri Leica, della fotografia?

Cento anni di fotografia Leica rappresentati nell’Ala Brasini del Vittoriano, da non perdere.

Le pagine di un monumento

Il Vittoriano dall’alto somiglia a un’enorme macchina da scrivere e questo piccolo dettaglio poetico ci rende questo monumento un narratore di storie.

Non è solo il Complesso dedicato a Vittorio Emanuele II di Savoia, primo re d’Italia, quindi già notoriamente una presenza autorevole in quella Piazza Venezia crocevia della quotidianità frenetica, ma anche un altare che commemora tutti gli altari della patria e tutti i patrioti caduti in una guerra.

Vittoriano
Milite Ignoto PhotoCredit commons.wikimedia.orga

È facile dunque immaginarselo come la macchina da scrivere da cui sono usciti tanti romanzi storici, tanti diari biografici, tante sceneggiature di film. E di fianco al Colosseo non è facile ottenere tanto prestigio.

Ma il Vittoriano sfodera i suoi assi nella manica: da simbolo dell’Unità d’Italia a spazio espositivo per grandi opere d’arte. Un vero incontro tra fotografi e uno dei monumenti più fotografati di Roma.

Vittoriano
100 anni di Leica PhotoCredit Ultim’ora news

Così la guadagnata centralità romana lo acclama tra i luoghi più visitati e, le mostre, come quella sui 100 anni di fotografia Leica, lo posizionano all’interno di un panorama culturale interessante, moderno, sempre attento.

Vittoriano
100 anni di Leica PhotoCredit Living Corriere

L’unica ed eccezionale tappa italiana, a Roma.

Quella 35 mm provvista di pellicola ne ha fatte di fotografie, oggi considerate d’epoca e con un valore inestimabile. Quel bianco e nero che ha fatto la storia, raccontato vicende, anzi, sottolineato vicende, in un modo unico e raffinato.

Ma una sola tappa italiana, a Roma e fino al 18 febbraio, per trovare insieme gli autori che hanno imbracciato la Leica: da Henri Cartier-Bresson a Gianni Berengo Gardin, da William Klein a Robert Frank, a Robert Capa a Elliott Erwitt e molti altri.

La fotografia a rullino, persa, ma non del tutto scomparsa.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here