California Science Center, il museo della scienza nuova casa dell’Endeavour

California Science Center, una delle mete più interessanti a carattere scientifico della West Coast, nuova casa dell’incredibile Space Shuttle Endeavour.

California Science Center

Se il vostro viaggio vi ha portato dalle parti dell’eccentrica e vitale Los Angeles californiana, uno dei luoghi da non perdere in città è sicuramente il California Science Center, uno dei più importanti musei della scienza della costa.
Si trova nell’Exposition Park ed ospita mostre interattive, esposizioni, spettacoli e film 3D, garantendo divertimento per tutta la famiglia, grandi e piccini.

Venne fondato nel 1951, con interventi di ristrutturazione intorno alla fine degli anni ’90, ed occupa una superficie di oltre 400 mila metri quadrati che sono stati suddivisi in quattro macro aree espositive.

Air & Space, la casa dell’Endeavour

Partiamo dall’area Air & Space una delle più affascinanti, come del resto è sempre stato affascinante per l’uomo la possibilità di volare ed esplorare le stelle nello spazio. Qui si può scoprire come gli umani progettano aerei, veicoli spaziali e sonde spaziali per compiti specifici utilizzando la nostra conoscenza dei principi dell’aria, dello spazio e del volo. Sono poi conservati equipaggiamenti originali, dai più vecchi ai più moderni, e pezzi di navicelle e sonde lanciate realmente nello spazio.

California Science Center
Space Shuttlle Endeavour. Photo credit: Marida Muscianese

Il pezzo forte però di questa sezione riservata allo spazio è sicuramente lo Space Shuttle Endeavour, il quinto ed ultimo costruito dalla NASA nel 1987. Il suo primo lancio nello spazio risale al 1992 ed il suo nome è in onore della HMS Endeavour, la nave del XVIII secolo comandata dall’esploratore James Cook; il nome onora anche Endeavour, il modulo di comando dell’Apollo 15. Una volta chiuso il programma Space Shuttle e ritirati gli orbiter dal servizio attivo, Endeavour è stato destinato al California Science Center di Los Angeles, atterrando all’aeroporto internazionale di Los Angeles il 21 settembre 2012. In attesa della costruzione della sua sede permanente, ora è possibile visitarlo nel Samuel Oschin Pavilion. La grandezza dello space shuttle lascia a bocca aperta, poterlo ammirare da vicino circumnavigandolo tutto è un’esperienza davvero estasiante, anche per coloro che non sono appassionati di questo mondo.

World Life

Continuando il tour si può esplorare l’area World Life e le sue varie forme di vita, dall’ameba monocellulare fino a 100-trilione di esseri umani. Si possono scoprire i collegamenti tra tutte le forme di vita con un viaggio lungo il tunnel della vita e nelle cinque gallerie dei processi vitali: Energy Factory, Supply Network, Control Center, Defense Line e Life Source.

Creative World

Nel Creative World invece dal digitale alle auto solari e agli edifici antisismici, vengono mostrati i progressi che gli esseri umani hanno fatto e fanno tutt’ora per soddisfare le esigenze di strutture e trasporti.

Ecosystems

Infine c’è l’Ecosystems, qui viene spiegato come nel nostro mondo, tutto è connesso. Piante, animali, persone, tempo atmosferico, acqua, suolo: tutto fa parte di un delicato equilibrio da proteggere e preservare. Si possono esaminare le otto zone della galleria, ognuna delle quali esplora un principio ecologico diverso.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here