Su uno sperone roccioso a picco sul torrente di Vezzeno sorge l’incantevole Castello di Gropparello, nella provincia di Piacenza.

Il Castello di Gropparello

Il castello di Gropparello è una rocca fortificata, nel comune omonimo in provincia di Piacenza. La particolarità di questa imponente costruzione è la sua posizione. Si trova infatti arroccata su uno sperone roccioso, su uno strapiombo che finisce nelle acque del fiume Vezzeno.

Castello di Gropparello
Il Castello di Gropparello (paesionline.it)

Questa sua locazione gli ha dato il nome che porta, infatti Gropparello deriva dal termine celtico “Grop” che indica un ostacolo naturale, di tipo roccioso. La sua posizione sulla roccia lo ha reso noto nel passato come rocca inespugnabile.

Il Castello di Gropparello: un po’ di storia…

Il castello venne costruito sulla sede di un castrum romano, posto a difesa della via per Velleia. Nel medioevo invece, il castello fu terreno di scontro tra Guelfi e Ghibellini, rappresentando l’unica roccaforte guelfa nel territorio piacentino. Nei secoli passo nelle mani di diverse famiglie fino a che nel 1869 venne acquistato dal conte Ludovico Marazzani-Visconti che affidò il restauro all’architetto Camillo Guidotti. Quest’ultimo aggiunse strutture neogotiche ed apertura di finestre nel mastio.

In seguito arrivò nelle mani della famiglia Gibelli, che lo aprì al pubblico e lo trasformò in un’opportunità commerciale offrendo visite guidate e allestendo ambienti tematici per i bambini.

Una leggende aleggia intorno a questo castello medievale teatro di una tragica vicenda. Verso la metà del Duecento era signore di queste zone Pietrone da Cagnano, che un giornò partì per un viaggio lasciando sola la bella moglie Rosania Fulgosio. Approfittando della situazione, Lancillotto Bracciforte, capitano del marchese Pallavicino, prese d’assedio il castello, ma affascinato dalla bellezza della giovane castellana se ne innamorò e desistette dai propri propositi belligeranti. L’amore di Lancillotto era ricambiato da Rosania, e così i due divennero amanti. Pietrone venne a sapere dell’accaduto da una perfida serva,e decise di vendicarsi. Narcotizzata la moglie durante il suo ultimo sontuoso banchetto, la murò viva nelle segrete del castello ed ancora oggi, specie nelle notti di vento si sente una voce invocare aiuto…

Il Castello di Gropparello, un castello da favola

Castello di Gropparello
Il Castello di Gropparello (paesionline.it)

Il castello è caratterizzato da tutti gli elementi di una vera e propria roccaforte compatta, nonostante abbia parti risalenti ad epoche diverse. Mura merlate, cortili, torri e ponte levatoio, tutto questo lo rende un classico castello che sembra uscito dalle favole. La torre è la parte più antica del castello, costruita proprio sulla sommità della rupe, il punto ideale per sorvegliare la città e avvistare l’arrivo di potenziali nemici dalla pianura padana.

Il castello è circondato da un grande parco, il primo parco emotivo d’Italia, dove animatori vestiti da guerrieri medievali intrattengono i bambini che si divertono con fiabe e racconti sugli esseri magici che abitano il bosco.

Leggi anche: Siete una coppia di innamorati? Ecco quello che fa per voi: un romantico weekend invernale tra le Alpi


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.