A piedi, nel fiume che attraversa le Gole del Dades, in Marocco, una luce al pentaprisma si riflette sui volti dei bambini che incontro e i loro diversi modi di accogliermi mi restano addosso.

 Marocco #Gole del Dades #cudriec #emanuela gizzi #pietre di carta
Marocco – Gole del Dades – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Il Marocco e gli sguardi dei bambini

Le Gole del Dades corrono insieme al fiume, e i Kenyon ,che vedevo dall’alto, diventano fauci enormi in cui camminare dentro, senza averne paura, tanta è la bellezza che piomba addosso dall’alto. Un Marocco roccioso si apre. Si possono mettere i piedi in un’acqua trasparente, come i due ragazzini della foto, che vi pescano con un amo improvvisato. Si possono acquistare delle babbucce fatte a mano da un bambino che non ti aspetti, così come si può incontrare un bambino su un mulo che si volta dall’altra parte perché non gli si rubi l’anima con una fotografia.

Un bambino siede su una panchina rocciosa, di fianco le babbucce allineate
Marocco – Gole del Dades – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

E si possono incontrare due anziani che dialogano del loro privato, seduti a terra a Boumalne, una cittadina non lontana dalle Gole del Dades, e riuscire a rubare un po’ di questa loro anima spensierata.

Marocco #Gole del Dades #cudriec #emanuela gizzi #pietre di carta
Marocco – Gole del Dades – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Dalle Gole del Dades andando a ritroso ma anche proseguendo

Che poi, il Marocco, è, l’anima dei marocchini, in tutta la loro compostezza, nei colori degli abiti, negli sguardi ipnotici, insomma, la Natura del Marocco senza marocchini non avrebbe lo stesso meraviglioso impatto. Sentono fortemente la loro terra e dalla terra ricavano quello che gli serve. Li ho trovati gentili, disponibili, sfuggenti e malinconici. Quando sorridono c’è qualcosa nei loro volti che mi distoglie da tutto, riescono sempre a catturare il mio sguardo, a corrompermi. Il paesaggio edificato, che in Italia mi infastidisce perché non è in sintonia con l’ambiente, qui, ovunque ci si giri, ne è parte integrante, si mimetizza per tonalità e per materiali utilizzati. Gli occhi non sono mai disturbati, anzi, c’è compiacimento, c’è grande stima. Mi lascio dietro le Gole del Dades, gli occhi lucidi, ma so che Ouarzazate non mancherà di stupirmi.



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche: