Esiste la “città ideale”? Ecco la Scarzuola in Umbria, un viaggio tra esoterismo, surrealismo e magia

la scarzuola
La Scarzuola (https://www.youtube.com/watch?v=SIA-zQc-AQE)

Un progetto che sembra uscito dalla mente fantasiosa di uno scrittore incline ai racconti surreali e dalle sfumature gotiche. Ecco La Scarzuola, una costruzione affascinate dell’Umbria che vale la pena esplorare da vicino.

La Scarzuola di Montegabbione

La Scarzuola sorge in Umbria, a Montegabbione in provincia di Terni, ed è un progetto architettonico molto suggestivo proprio per le sue forme particolari.  Questa stravagante costruzione è stata concepita dall’architetto milanese Tommaso Buzzi che ha voluto creare la “città ideale”. Si tratta quindi della rappresentazione in mattoni e calce della sua personale visione di un concetto difficile da rendere concreto, ma a cui numerosi artisti e architetti hanno cercato di dare forma nel tempo: la città ideale.

la scarzuola
La Scarzuola (https://www.youtube.com/watch?v=SIA-zQc-AQE)

A quanto pare l’idea di Buzzi della città perfetta è un mix tra elementi tipicamente urbani e elementi che provengono invece dal teatro. Infatti Scarzuola sembra proprio una città- teatro, scenografie da palcoscenico si avvicendano e si incastrano tra loro dando vita al complesso architettonico umbro. Questo luogo così particolare sembra racchiudere in sé un passato artistico e architettonico ben preciso, si potrebbe dire un omaggio alle grandi costruzioni di Villa Adriana, Villa d’Este, l’Acropoli e Bomarzo. Il passato così si intreccia tra scale, giardini, archi, porte, torri, percorsi a spirale che esprimono il tocco surreale e visionario dell’ideatore.

Il progetto prende vita tra il 1958 e il 1978, ma non vede mai la fine per scelta. Diventa quindi proprio un lascito da parte dell’artista che si rivede in queste mura. Nella città di Buzzi sono stati disseminati numerosi simbologie esoteriche e massoniche, di ispirazione illuminista, che mirano proprio a sconvolgere il visitatore. Ne è un esempio il grande terzo occhio a specchio che vigila sulla città e riflette l’immagine dei visitatori, che ritrovano loro stessi nella loro vera essenza in quell’occhio indagatore.

La Scarzuola tra sacro e profano

la scarzuola
la Scarzuola (wikipedia)

Prima del complesso progetto architettonico, qui sorgeva un convento francescano con chiesa annessa. Sembra che San Francesco D’Assisi abbia dimorato proprio qui, infatti prima di entrare nella Scarzuola, si passa un antro scavato nella pietra dove si dice che il Santo abbia fatto sgorgare una fonte sacra. Il terreno venne comprato dall’architetto che trasformò il convento nella sua città ideale. Sacro e profano così convivono in questa costruzione, la città sacra si incastona nella città ideale, nonché profana di Buzzi. Ci troviamo precisamente a Montegabbione, provincia di Terni, e nelle belle giornata di sole è sicuramente una meta alternativa ai classici itinerari, per scoprire posti nuovi e così estrosi e suggestivi.

Per visitare la Scarzuola è necessaria la prenotazione tramite uno di questi contatti:

tel. 0763/837463
mail: info@lascarzuola.com


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here