I misteriosi Crop circles nelle profondità marine del Giappone. Chi è l’autore di questi disegni sulla sabbia?

I misteriosi crop circles in Giappone sono un fenomeno simile a quello dei cerchi nel grano solo che in questo caso si trovano nelle profondità del mare.

I Crop Circles del Giappone

La scoperta dei questi crop circles si deve a Yoji Ookata, un amante dello snorkeling che ottenne la licenza da subacqueo a 21 anni e da quel momento in poi dedicò gran parte del suo tempo all’esplorazione delle profondità marine. Fino a quando decise di farlo diventare un vero e proprio lavoro, diventando un fotografo freelance subacqueo, oggi uno dei più famosi di Okinawa.

Crop circles
Crop circles (sostudenti.it)

La notorietà arrivò quando un giorno decise di immergersi nella regione semi-tropicale di Amami Oshima, circa 25 metri sotto il livello del mare. Il fotografo rimase esterrefatto dalla sua scoperta, un fenomeno che nessuno aveva mai visto prima si era palesato davanti ai suoi occhi.

Queste forme geometriche circolari, crop circles, misuravano circa 6,5 metri di diametro e erano caratterizzate da strane decorazioni e increspature del tutto anormali. La notizia fece il giro del mondo e le telecamere subacquee immortalarono anche l’autore di questo mistero. L’artista di questi disegni nella sabbia è un piccolo e raro tipo di pesce palla che giorno e notte si adopera alla creazione di creste circolare con la sua pinna.

Il pesce palla adorna la sua opera con piccole conchiglie, crepe e scanalature interne. Tutto questo ha un intento romantici: il maschio in questo modo vuole attirare le femmine per accoppiarsi e deporre le uova che prenderanno posto al centro del cerchio. Le conchiglie che sembrano decorative in realtà servono da nutrimento alla schiusa delle uova ed aiutare i neonati.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.