Read in english

Ci sono bellezze naturali molto particolari nel territorio portoghese, di cui andiamo molto orgogliosi e che sono segreti ben custoditi. Recentemente, la componente naturale e sostenibile del turismo è stata al centro dell’attenzione in alcune località turistiche, di cui parleremo in questa cronaca.
Oggi vi parlo della bellezza dell’interno dell’Alentejo, dello stesso Alentejo dei cearas, del cielo stellato infinito, degli uliveti a perdita d’occhio e dei castelli medievali. Il percorso inizia a Portalegre, dove vi segnaliamo probabilmente uno dei migliori ristoranti del paese per il quale è d’obbligo prenotare un posto, Tombalobos, facile da trovare sui social e la cui notorietà ha varcato il confine con la Spagna da diversi anni. Qui è consigliabile pranzare perché il nostro itinerario ci porta nell’entroterra della campagna, dove ci sono alcuni luoghi particolarmente belli da evidenziare e di cui si sa poco. Sono particolarmente appassionata di questo Alentejo, l’Alentejo della solitudine, della quiete, dell’incredibile tramonto invernale che lascia tutto il cielo rosa nel mese di dicembre, caratterizzato da un freddo secco e intenso che merita un caminetto a fine giornata.

Ora iniziamo da qui: Portalegre e pranzo da Tombalobos. Obbligatoria la prenotazione (+351 245 906 111 / tombalobos.pt / tombalobos@gmail.com). Dopo pranzo si consiglia di visitare il villaggio di Castelo de Vide, un villaggio tranquillo con un forte legame storico con il castello medievale di Marvão che dista solo 9,6 km e che sarà un’immersione nella vita dei pastori di oggi. Potete scaricare la Rota sul sito istituzionale del Comune. Consigliato indossare calzature adeguate per una passeggiata in campagna e portare uno zaino con l’essenziale per passare la notte a Marvão, dove si può godere del paesaggio rurale e del silenzio che regna interrotto solo dal rantolo degli animali al pascolo che passeggiano. Il tramonto a Marvão è qualcosa di veramente incredibile e la vista è da una distanza speciale, particolarmente unica su questo promontorio. Vi consigliamo di pernottare qui. La mattina seguente, riprendiamo il viaggio in macchina.

Prossima destinazione Évora per il pranzo. Il percorso dura circa due ore e si effettua tra allevamenti di bovini selvatici e del cavallo lusitano. Arrivando a Évora, la meta per il pranzo è il Ristorante Fialho, probabilmente uno dei locali più speciali della città che conserva la sua gastronomia e la tradizione dell’Alentejo nel suo massimo splendore, sia dai fornitori di prodotti locali che dalla maestria dello chef. Anche qui obbligatorio prenotare (+ 351 266 703 079 / restaurantefialho.pt).

Dopo una visita obbligatoria al centro storico di Évora per vedere il tempio di Diana e la Cappella delle Ossa nella Chiesa di São Francisco, è il momento di ritorno sulla strada N2, prendendo la strada per Mértola dove vi consigliamo di dormire e vedere lo spettacolo notturno di Dark Sky Alqueva. The Dark® Sky Alqueva è un territorio che copre un’area estesa, di circa 9.700 km2, intorno al grande Lago Alqueva e che si estende attraverso i comuni portoghesi di Alandroal, Barrancos, Évora, Mértola, Moura, Mourão, Portel, Redondo, Reguengos de Monsaraz e Serpa. Comprende anche il territorio spagnolo con i comuni di Alconchel, Cheles, Fregenal de la Sierra, Zahínos, Olivenza, Táliga, Higuera, Oliva de la Frontera, Higuera la Real, Jerez de los Caballeros e Valle de Matoros.

Per la qualità del cielo notturno, questo territorio è certificato come Starlight Tourism Destination ed è stato il primo al mondo ad ottenere questa certificazione. Il territorio di Mértola fa parte dell’area certificata della Riserva Dark Sky® Alqueva dal 2018. Con un’estensione di 1.279 km2 e una densità di popolazione di 5 abitanti / km2, Mértola presenta livelli di inquinamento luminoso molto bassi. Qui, i visitatori possono godere di opportunità uniche e senza pari per vedere il cielo notturno e godersi le stelle per la maggior parte dell’anno, poiché Mértola ha una media di 286 notti pulite senza nuvole. Ci sono diversi posti di qualità per dormire nel centro di Vila de Mértola.

La mattina successiva la sfida è raggiungere Alcoutim e Vila Real de Santo António al largo del fiume Guadiana e nel mezzo del parco naturale. Il viaggio dura circa 2 ore, ma sarà piacevole, la vista ed i panorami sono incredibili. Arrivando a Tavira, il piatto da non perdere è l’Arroz de Lingueirão, una specialità algarviana che qui è cucinata in modo sublime.

Buon appetito e buon viaggio!



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Mariana Calaça Baptista
Architetto specializzato nel campo dei beni culturali, opera nel settore dell'industria creativa da 15 anni. Con esperienza nella gestione alberghiera da 5 anni, premiata come imprenditrice e con un Master in Gestione culturale, lo studio dei comportamenti, dei bisogni e delle preoccupazioni dell'umanità è stato un modo per suscitare la consapevolezza dei progetti culturali e turistici nella sua comunità di Caldas da Rainha, in Portogallo. --- Architect specialist in the field of heritage, works in the creative industries for the last 15 years. Experienced hotel management for 5 years, awarded in entrepreneuership and Master in Cultural management, the study of behaviours, needs and worries of humanity has been a way to raise awarness for cultural and touristic projets in her community in Caldas da Rainha, Portugal.