Il Parco dei Tulipani macchia di colore le terre olandesi

Il Parco dei Tulipani conquista gli occhi, non ha competitor, si estende come un dipinto e macchia la terra con tutte le sue misteriose essenze

Il Parco dei Tulipani
Distese libere PhotoCredit room5.trivago.it

Copiare il metodo olandese

Il Parco dei Tulipani d’Olanda, Keukenhof, con i suoi sette milioni di bulbi fioriti è l’opera dei garden designer che vi hanno prestato l’ingegno. E quando la mano dell’uomo contribuisce alla bellezza si è certi che lì la cultura esiste, è palpabile.

Camminare dentro un giardino di primavera, considerato, il più bello al mondo è un’esperienza che attiva tutti i sensi.

La visione quasi maniacale di colori e fragranze si perpetua su 32 ettari di terreno, come un quadro senza cornice che il pittore continua a estendere, riempire di pennellate, di fantasy pastello.

Fino a metà maggio è il periodo migliore per visitarlo, cogliere ogni sfumatura, sia che lo si attraversi a piedi, sia che si preferisca una bicicletta.

Il Parco dei Tulipani
Mulini e fiori PhotoCredit room5.trivago.it

I sentieri di Keukenhof offrono scorci intensi che possono essere d’ispirazione per eventuali riproduzioni in miniatura nei propri giardini di casa. I padiglioni, tre in tutto, sono anch’essi un ottimo modo per imparare l’arte del giardinaggio, rubare con gli occhi la magia della Natura.

Il padiglione Oranje Nassau ha composizioni diverse ogni settimana mentre il Willem-Alexander ospita seicento varietà diverse di tulipani per poi offrire a chiusura di stagione una grande Kermesse di Gigli. Alla fine c’è il padiglione Beatrix che ospita le orchidee, le anthurium e le bromelie.

Scegliere l’acqua

L’altro modo di viaggiare dentro questa terra policroma è la barca. Un tour in acqua tra i canali che solcano il Parco dei Tulipani suggerisce una prospettiva diversa, paesaggi fiabeschi, vegetazioni specchiate che giocano a guardarsi, la carezza dell’aria.

Il Parco dei Tulipani
Tour in acqua PhotoCredit room5.trivago.it

Per assorbire il momento, quel galleggiare liquido, la morbidezza della Natura è bene starsene zitti, farsi spettatori. Quando si viaggia in uno spettacolo è bene lasciare agli attori lo spazio per recitare. In questo caso i tulipani sono i padroni unici della scena, sono i divi che appaiono sotto i riflettori in tutta la loro dosata misura e delicata bellezza. Che viene da invidiare gli olandesi.

Le barche sono ecologiche quindi non disturbano l’atmosfera pulita e silenziosa del parco, e possono raggiungere i dintorni di Keukenhof.

Tra le città da collegare alla visita c’è sicuramente Amsterdam che non ha bisogno di presentazioni. Oppure Aia, una città regale sul Mare del Nord, sede della Corte Internazionale di Giustizia delle Nazioni Unite. E non dimenticherei Haarlem con le sue ex-chiese birrificio e gli strani animali che popolano l’immaginario collettivo.

Della stessa autrice:

Pamplemousses e Talipot di Mauritius     Il torrente Valchetta Crèmera     Il Tevere     Earth Day

 

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.