L’Alhambra di Granada, un gioiello architettonico dell’arte islamica in Andalusia

L’Alhambra di Granada è un meraviglioso esempio di architettura islamica che sorge sui colli di Granada. Un gioiello architettonico da visitare assolutamente!

Alhambra il gioiello orientale della Spagna

Alhambra deriva dall’arabo Qalʿat al-ḥamrāʾ che significa Cittadella rossa, un nome che rispecchia la sua caratteristica più evidente, ovvero il colore rosato delle mura che la circondano. E’ una città murata che sorge sul colle della Sabika, un complesso architettonico del tutto autonomo rispetto a Granada che aveva un suo sistema di mura difensive. All’interno della cittadella rossa gli abitanti avevano tutto il necessario per vivere in modo indipendente: moschee, scuole, botteghe e altro.

Alhambra
Alhambra di Granada (belvilla.nl)

La cittadella-fortezza venne eretta nel XIV secolo, inseguito all’arrivo a Granada di Muḥammad ibn Naṣr, chiamato al-Ḥamar, “Il Rosso”, perché aveva la barba di colore rossiccio, fu fondatore  della dinastia nasride del Sultanato di Granada.

Muḥammad ibn Naṣr fece costruire il primo nucleo del palazzo e inseguito suo figlio Muhammad II, lo fortificò. Nel 1492, quando i Re Cattolici conquistarono Granada, l’Alhambra diventò un palazzo reale dei re di Spagna. Questo suo nuovo status la salvò dalla distruzione che invece fu destinata a numerosi monumenti islamici in seguito alla Reconquista.

Le bellezze dell’Alhambra

Dai bastioni della fortezza si può ammirare una meravigliosa vista sul quartiere moresco di Albazyn, ma al suo interno ci sono altrettante meraviglie sa scoprire, come i numerosi palazzi da visitare che compongono la cittadella.

I Palazzi dei Nazari sono immense opere d’arte islamica, tra marmi decorati, bassorilievi e colonne, per non parlare dei marmi intarsiati, le decorazioni in madreperla e le tipiche mugarnas islamiche. Un gioiello da assaporare in ogni suo dettaglio. Qui vi si svolgevano le funzioni sia amministrative che private, oltre ad essere sede della corte con innumerevoli camere e sale di ricevimento.

alhambra
Patio de los Leones (viviandalucia.com)

Meraviglioso è il Patio de los Leones che risale al 1377, realizzato da Muhammad V. 124 colonne di marmo di Almería bianco circondano un cortile rettangolare. Intorno ci sono le sale private del Sultano e delle sue spose che non hanno finestre che danno verso l’esterno, ma si affacciano verso il giardino interno come vuole l’idea musulmana del Paradiso.ci sono poi due templi ai lati opposti del giardino che richiamano alle tende dei beduini.

Si può continuare la visita al Generalife, ovvero la residenza estiva dei sultani. Dei sontuosi giardini che impreziosiscono alla cittadella conducono alla residenza. La bellezza degli esterni è affascinante tra fontane e piante dai mille colori.

Per visitare l’Alhambra è necessaria la prenotazione. Prenota tour, attrazioni e attività turistiche online sul sito www.getyourguide.it

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.