Alcuni recenti studi hanno notato come le vacanze abbiano un ruolo importante per vivere più a lungo.

Una vacanza allunga la vita

Gli scienziati hanno rivisitato uno studio di 40 anni fa e hanno notato come le persone che hanno preso brevi vacanza dal lavoro erano a più alto rischio di morte prematura rispetto a quelli che hanno trascorso più tempo in vacanza, nonostante avessero un supporto medico.  Gli autori della ricerca hanno affermato che la mancanza di una vacanza che sollevi dallo stress possa portare ad una morte precoce.

Lo studio originale dell’Helsinki Imprenditori Studio risale al 1974 e analizzava 1.222 dirigenti maschi di mezza età nati dal 1919 al 1934. Al tempo vennero divisi in due gruppi. Il primo gruppo era di intervento, ovvero ricevevano una consulenza medica regolare, facevano sport e seguivano una dieta sana. Mentre quelli appartenenti al gruppo di controllo non hanno ricevuto cure mediche speciali e hanno continuato con la loro normale assistenza sanitaria.

vacanze
(Anna Demianenko by unsplash.com)

I risultati dell’epoca avevano riportato come il rischio di cardiovascolari nel gruppo di intervento si fosse ridotto del 46%. Ma la cosa sorprendente è che nel giro di 15 anni sono morte molte più persone del gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo.

Ora, i ricercatori dell’Università di Helsinki hanno riesaminato i dati del precedente ed hanno provato a rispondere alla domanda: Perché le persone a cui è stata data assistenza medica speciale muoiono prima?
Un elemento che sembra aver influenzato la mortalità è la vacanza. Nel gruppo di intervento, gli uomini che ha preso tre settimane o meno vacanza annuale ha avuto maggiori probabilità di morie rispetto a quelli che avevo preso più di tre settimane.

Questo perché quelli che hanno avuto meno vacanze, hanno lavorato di più e dormito meno di quelli che hanno usufruito di una vacanza più lunga. Quindi tutto questo stile di vita stressante può aver annullato qualsiasi beneficio per la salute derivante dall’intervento medico. In effetti, i ricercatori finlandesi pensano che anche l’intervento stesso abbia contribuito allo stress. Negli anni ’70 la gestione dello stress non faceva parte della medicina preventiva, mentre ora è molto importante per coloro che soffrono di malattie cardiovascolari.

“I nostri risultati non indicano che l’educazione alla salute sia dannosa. Piuttosto, suggeriscono che la riduzione dello stress è una parte essenziale dei programmi volti a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. La consulenza sullo stile di vita dovrebbe essere saggiamente combinata con un moderno trattamento farmacologico per prevenire eventi cardiovascolari in soggetti ad alto rischio “, ha detto Strandberg uno degli autori della ricerca.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here