L’Ara Pacis da Altare a Museo,monumento fino a divenire uno dei Monumenti di Roma in 3D.  E dentro i suoi spazi tra le tante mostre se ne colloca una dai toni fotogiornalistici

Ara Pacis
L’altare PhotoCredit Italian Ways

Ara Pacis immersiva

Costruita per volere del Senato  l’Ara Pacis era il luogo in cui si celebrò la pace Augustea, a seguito delle imprese che l’Imperatore portò positivamente a termine in Gallia e in Spagna. Da quel nono secolo in poi, le vicissitudini e i cambiamenti di questo altare, che ha visto sacrifici e anche inondazioni, viene oggi recuperato e reso fruibile in 3D.

Le chiamano visite immersive e sono sostanzialmente innovative, in grado di avvicinare il pubblico vasto alla storia attraverso una ricostruzione fedele dei monumenti, strade e quartieri romani.

Qui i personaggi, le divinità e anche gli animali prendono vita narrando le origini di Roma e di Augusto in una forma di realtà virtuale e aumentata che sta prendendo sempre più piede nel turismo 3.0.

Ara Pacis
L’altare in 3D PhotoCredit capitolvm.it

Significa calpestare Campo Marzio, assistere a un sacrificio romano con i propri occhi, vedere l’Ara Pacis, oggi avorio, colorarsi di quelle tinte originarie di cui era rivestita, galleggiare volando sulla storia.

E, già questa esperienza extra-terrena, varrebbe la visita. Ma l’Ara Pacis nel corso degli anni, nel ritrovarsi curata, amata e protetta ha saputo divenire un Museo importante e al centro della scena romana.

Fino a oggi quelli della Magnum Photo

Al momento l’Ara Pacis ospita una mostra dedicata ai 70 anni della Magnum Photo, l’agenzia fotogiornalistica più conosciuta al mondo che, rimettendo sotto i proiettori fotografie che hanno segnato tante epoche diverse, vogliono andare oltre il mito, da loro stessi creato, e rileggere il tempo immortalato.

E lo fanno con esperienza perché il concetto è che, nel 1947, sono stati i primi a porsi il problema della proprietà dell’immagine e a risolverlo con un modello economico innovativo che garantisse ai fotografi la legittimità autorale.

Ho voluto estrapolare due immagini tra le tante foto che si trovano esposte nel Museo.

Ara Pacis
Jan Rose Kasmir PhotoCredit Marc Riboud

La prima è una foto che non serve commentare ha un impatto emotivo struggente. L’ha scattata Marc Riboud nel 1967, c’era la guerra in Vietnam e Jan Rose Kasmir, durante una manifestazione pacifista davanti al Pentagono, va incontro alla guardia nazionale americana con un fiore in mano.

Ara Pacis
Altaj PhotoCredit Jonas Bendiksen

La seconda l’ha scattata Jonas Bendiksen nel 2000 e ritrae due uomini che raccolgono i rottami di una navicella spaziale precipitata presso Altaj, in Russia. Ma l’effetto immaginifico lo creano le farfalle che svolazzano intorno alla scena regalando alla storia dei contorni poetici, surreali, come di neve che cade.

Della stessa autrice, monumenti di Roma in 3D:

Il Colosseo

Le Terme di Caracalla


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here