Come si dice: Paese che vai, presa elettrica che trovi! Non è facile giostrarsi tra le diverse prese elettriche, i fattori da tenere in considerazione sono la frequenza e la tensione elettrica e il tipo di prese della rete domestica e degli hotel.
Per evitare spiacevoli situazioni all’estero cerchiamo di chiarire la situazione con una facile tabella.

I tre standard principali sono:

  • “Americano” (tipo A) presa con due spine verticali
  • “Europeo” (tipo C) presa con due spine tonde
  • “Inglese” (tipo G) presa con tre spine rettangolari

Tabella delle prese elettriche

prese elettriche
Tabella prese elettriche (travel365.it)

A e B: Sono simili. La differenza sta nel fatto che la A ha solo i due contatti “piatti” mentre la B ne ha un terzo cilindrico per la terra. Usate in: Usa, Canada, Giappone, America centrale, Antigua, Antille olandesi, Bahamas, Barbados, Filippine, Isole Cayman, Maldive.
C: Presa bipolare quindi “senza la terra centrale” utilizzata talvolta anche in Italia. Usata in Europa.
D e M: Sono uguali, cambia solo la potenza sopportabile. Usata in alcuni Paesi asiatici ed africani.
E: Assomiglia alla Schuko ma il contatto della terra è “femmina”. Usata in Belgio e in alcuni Stati africani.
F: La nota presa Schuko molto in uso anche in Italia. Usata in Europa.
G: La classica presa britannica in uso anche in molte sue ex colonie. La troviamo anche in Irlanda, Arabia Saudita, Cina, Emirati Arabi Uniti, Gibilterra, Kenya, Maldive, Malta, Mauritius, Seychelles.
H: Rara, assomiglia al tipo I ma in realtà non ha i poli completamente piatti.
I: Usata in Australia, Nuova Zelanda, Cina, Papua Nuova Guinea, Tonga, Figi, Isole Cook. Può essere anche bipolare senza terra.
J: Rara, ha il polo centrale di terra non in linea con gli altri due.
L: Come la C ma tripolare. Usata raramente, per esempio nella Città del Vaticano.
K: Rara, in via di sparizione.

Frequenza e Tensione elettrica

prese elettriche
tabella frequenza e tensioni (travel365.it)

Per quanto riguarda tensione e frequenza abbiamo principalmente due macro zone:
rete a 110-120 Volt e frequenza di 60 Hz in Nord e Centro America e nella zona ovest del Giappone, rete a 220-240 Volt e frequenza di 50 Hz nel resto del mondo.

Compatibilità

La maggior parte dei dispositivi e dei caricatori di oggi sono multitensione ed abbracciano un range di voltaggio dai 100 ai 240 Volt. Controllate bene cosa c’è scritto sul caricatore stesso, sotto la voce “INPUT”. Inoltre anche i dispositivi non multitensione italiani lavorano nel range 220-240 Volt e se attaccati alla rete a 110 Volt funzionano tranquillamente, eventualmente con minore potenza. Per la frequenza non ci sono comunque problemi in quanto di norma 50 o 60 Hz non creano danni ai dispositivi attuali.
Attenzione negli Usa, perché spesso i loro alimentatori non sono compatibili. Quindi se pensate di comprare prodotti elettronici in America ricordate di comprare un adattatore italiano per quando tornerete a casa.

In ogni caso il consiglio più banale è quello di comprare un adattatore universale, ma attenzione perché gli adattatori “adattano” solo la “forma” delle spine alle prese diverse dalle nostre, ma non ne modificano la tensione (quindi non trasformano i voltaggi).


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here