Il Museo sottomarino di Cancun fonde arte e natura creando uno spettacolo unico!

Sicuramente non si può definire un museo tradizionale, ma la sua particolarità è proprio ciò che lo rende unico e anche più suggestivo delle comuni gallerie d’arte. L’insolita ambientazione e le emozionanti statue del museo sottomarino di Cancun, danno vita ad uno spettacolo mozzafiato.

Il Museo sottomarino di Cancun

Gli amanti della musica forse avranno notato la particolare copertina del cd da solista, Ukulele Songs, del frontman dei Pearl Jam Eddie Vedder. L’immagine riportata sul disco è senza dubbio particolare, si tratta una statua di un uomo seduto davanti ad una macchina da scrivere immersa nell’acqua. Questa scultura di chiama The Correspondent e si trova nei fondali dell’isola di Grenada dove l’artista Jason deCaires Taylor ha inaugurato nel 2006 il primo museo sottomarino al mondo.

museo sottomarino di cancun
Musa. Photo : Jason deCaires Taylor (underwatersculpture.com)

Non è solito immaginare opere d’arte sott’acqua a metri e metri di profondità, ma è proprio qui che giacciono le centinaia di sculture di Jason deCaires Taylor. E’ lui l’autore del Musa, Museo Subacuático de Arte, ovvero il museo sottomarino più grande del mondo situato nei fondali del mare che bagna la Costa Maya in Messico.

Perché le statue si trovano nelle profondità marine?

Un artista che non manca di essere provocante, come vuole per definizione lo status di artista, con questa particolare installazione riservata solo ai subacquei più impavidi e gli amanti delle immersioni. Ma qual è il progetto che si nasconde dietro a questa scelta di immergere le statue nelle profondità marine?

Lo scopo dell’artista mira a creare una cooperazione tra arte e scienza ambientale. Le sue statue in fondo al mare hanno lo scopo di rendersi delle dimore adatte ai coralli e alle alghe così da creare una barriera corallina “artificiale” e salvaguardare quella naturale dalle troppe pressioni da parte dei turisti.

museo sottomarino di cancun
Musa. Photo: Jason deCaires Taylor

Un museo per la salvaguardia della barriera corallina

Il museo ospita 485 sculture sommerse che rappresentano figure umane a grandezza naturale e altri 30 pezzi collocati a terra, che lo rendono la più grande attrazione sottomarina del mondo. Visto l’obiettivo dell’artista con il collocamento delle statue in mare, è ovvio che la loro composizione non è inquinante. Sono costruite con materiali speciale in grado di favorire la creazione di una barriera corallina.

Di musei così ne esistono altri come quello sopra citato a Grenada, quella a Salt Spring Island (Canada) e a Portofino, ma il Musa in Messico è senza dubbio il più grande di tutti.

La fortuna e la dannazione di questo angolo di paradiso è proprio la sua bellezza naturale, che attira sempre di più turisti e amanti dello snorkeling. Inevitabilmente la costa ne risente e i coralli ne escono sempre più danneggiati. Il museo nasce come un’opera di valorizzazione e soprattutto di protezione nei confronti di queste aree che, a causa dei cambiamenti climatici, gli uragani e l’incessante turismo, sono a rischio.

Leggi anche: La Grande Barriera Corallina è destinata a sparire per sempre? Ecco cosa emerge da un recente studio


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here