Vicino alle famose Cinque Terre si trovano 4 graziosi paesi che dovreste prendere in considerazione se state pensando a un soggiorno nelle Liguria di Levante.

Non fraintendetemi, le cinque borgate marinare sono incantevoli ma se viste nella stagione sbagliata la vostra permanenza qui potrebbe non essere al top: treni affollatissimi, prezzi elevati, code infinite e persino un mare intorbidito da troppi bagnanti potrebbero rovinarvi la vacanza. Ecco perché vi voglio consigliare alcuni borghi nelle vicinanze che, credetemi, non hanno nulla da invidiare alle famosissime cittadine dalle casupole colorate.

Tellaro

Cinque terre
Tellaro-photocredit-giornirubati.it

Tellaro nel Comune di Lerici, è di una bellezza poetica che lascia stupefatti. Si tratta di un villaggio di pescatori piccolissimo, che si arrotola su uno sperone sul mare come su una scala a chiocciola. Serba gli stessi colori delle Cinque Terre ed è impreziosito da una splendida chiesetta rosa pastello e molti altri edifici antichi. Non a caso fu amato da poeti e registi, come Mario Soldati. Tellaro è il più a est delle cittadine che vi propongo, si può raggiungere in macchina ma sono preferibili i mezzi pubblici.

Lerici

Cinque terre
Lerici-photocredit-giornirubati.it

Proseguendo verso ovest si incontrano i bei paesi di Lerici e, attaccato ad esso, San Terenzo. Lerici fu amato dai poeti inglesi romantici Shelley e signora, lord Byron: è per questo che tutto il Golfo su cui si affacciano i borghi di cui stiamo parlando è stato ribattezzato “dei Poeti”. Non si stenta a crederlo, Lerici vanta una pittoresca borgata coronata da un imponente castello sul mare. È molto piacevole camminare da San Terenzo a Lerici osservando le rare spiagge e le barche quiete nel porticciolo. Le automobili sono interdette dal centro, perciò conviene giungervi in autobus dalla Spezia.

La Spezia

Cinque terre
La Spezia-photocredit-giornirubati.it

La Spezia è sempre stata bistrattata dal turismo e considerata solo punto di attracco per le Cinque Terre. Ed invece La Spezia, soprattutto negli ultimi anni, ha saputo accrescere il suo fascino, riscoprendosi bella. La dimensione non è quella del paesotto ligure da cartolina, tuttavia se si passeggia sul lungomare e si attraversa il ponte Thaon di Revel basta uno sguardo alla città per rimanerne colpiti. I colli, il castello San Giorgio, il viale di palme, un porto con pescherecci, yatch qualche veliero e la cornice lontana delle Alpi Apuane che dona un sentore nordico: non manca nulla. A La Spezia si può giungere sia in treno che con la propria vettura.

Portovenere

Cinque terre
Portovenere-photocredit-giornirubati.it

Chiude la mezzaluna del Golfo dei Poeti a ovest la splendida Portovenere. Per arrivarci consiglio il battello dalla Spezia. Portovenere potrebbe sembrare la quinta di un teatro tanto è suggestiva: caseggiati coloratissimi come in un tetris, una chiesa romanica di pietra affacciata sul mare, piccola e dal fascino senza tempo. Un castello e poi, proprio di fronte, l’isola della Palmaria, quella del Tino e del Tinetto. Non per niente le Spezzine fanno a gara per sposarsi qui e la cena romantica del primo appuntamento? A Portovenere, naturalmente. Del resto è qui che nacque la Dea dell’amore: non poteva capitare meglio.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Avatar
Ciao a tutti! Sono Elena, mamma e blogger a tempo pieno. Mi definisco una secchiona curiosa che cerca di imparare quanto più possibile da ogni luogo, incontro, esperienza offerta dalla vita. La curiosità è il motore di ogni mio viaggio, non importa se a 30 km da casa o dall'altra parte del pianeta, c'è sempre qualcosa di sorprendente che ci fa tornare a casa più ricchi. La maternità mi ha cambiata, ma non è cambiata la mia passione per il viaggio che adesso cerco di condividere con la mia famiglia assecondando i ritmi più dolci di una vita senza fretta. Che sia in mezzo alla natura o in un museo in città, viaggiare è la migliore scuola che esista e allora perché non tornare bambini per studiare la varietà di questo mondo? Le mie esperienze e riflessioni, i miei consigli e spunti li trovate tutti su Giorni Rubati: vi aspetto per viaggiare insieme!"

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here