Dalla pesca alla storia: scopri la bellissima Concarneau

Concarneau è conosciuta per essere il terzo porto peschereccio più importante della Francia, ma ha molto di più da offrire!!!

Concarneau: la capitale della pesca francese e non solo

Concarneau
Concarneau (foto by pixabay)

L’attività commerciale che prevale a Concarneau è la pesca. Questa città è un centro importante per l’attività ittica: qui vengono lavorate più di 100.000 tonnellate di tonno ogni anno dalle barche del luogo.

La pesca è divenuta anche un’attrazione per il turismo: infatti, è possibile assistere all’asta del pesce, visitare i conservifici e in alcune situazioni, addirittura aiutare i pescatori di acque profonde a scaricare le loro catture. I turisti più coraggiosi potrebbero, anche, prendere parte ad un viaggio organizzato su una vecchia barca di sardine per vivere quest’avventura sulla propria pelle.

Le spiagge di Concarneau non sono solo luogo di pesca, ma anche scenari perfetti nei quali affrontare delle rilassanti e romantiche passeggiate circondati da un panorama d’eccezione. Qui, infatti, è possibile avviarsi verso il sentiero costiero da Quai de la Croix, passando per le splendide ville, fino alla spiaggia di Sables Blancs. Lungo questo tratto, nei mesi di luglio ed agosto, vengono allestite attività acquatiche e terrestri per soddisfare sia gli adulti che i bambini. Oltre alla spiaggia, ci si può immergere anche in una passeggiata panoramica attraverso il bosco di Kérandon, lungo il quale è stato organizzato il percorso dei passeggini.

Concarneau e la vecchia città murata

concarneau
La vecchia città murata (foto by pixabay)

La vicina città è senza dubbio l’attrazione turistica più popolare di Concarneau. Si tratta di una vecchia città fortificata in pietra che racchiude solo poche strade ma ricche di negozi e ristoranti. Lungo le sue viette si è attorniati dai gerani che cadono dalle finestre.

Qui, è d’obbligo una passeggiata intorno ai bastioni da cui si può godere di una vista spettacolare sulla zona. Vicino all’ingresso della città, c’è il Musée de la Pêche, nel quale i visitatori possono informarsi meglio riguardo l’industria della pesca e visitare un vecchio peschereccio.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here