6 giganti di legno abitano nel cuore della foresta di Copenhagen, in Danimarca. Si tratta di enormi e sbalorditive opere realizzate dallo scultore Thomas Dambo.

I Giganti di legno della Danimarca

Arte e natura si uniscono per dare vita ad uno spettacolo che sfiora le note magiche di una fiaba a tutti gli effetti. La foresta di Copenhagen, in Danimarca, diventa la dimora a cielo aperto di 6 simpatici e mastodontici giganti in legno realizzati dallo scultore Thomas Dambo.

giganti di legno
I giganti di legno di Copenhagen (http://thomasdambo.com)

Il bosco, già di per sé evocativo e scenario di numerose favole antiche soprattutto come casa di essere fantastici quali gnomi, fate, troll ed elfi, viene abitato in questo caso da giganti.

Una passeggiata tra questi boschi può trasformarsi in una vera e propria avventura degna dei racconti dei fratelli Grimm, con la sensazione che da un momento all’altro possano spuntare fuori dagli alberi o dietro i cespugli simpatiche creature magiche.

L’idea dell’artista Thomas nasce dal suo desiderio di far innamorare i turisti dei luoghi della sua infanzia e di rendere così la visita un’esperienza quasi surreale.

giganti di legno
I giganti di legno nel bosco (http://thomasdambo.com)

I Forgotten Giants, ovvero i giganti dimenticati nella foresta, hanno visi gentili e dolci che non fanno paura, anzi invitano i bambini ad interagire con loro divertendosi ad arrampicarsi e a scivolare sulle loro grandi braccia.

La loro realizzazione è a base di legno riciclato, oltre 600 pallet, una casa vecchia di legno e una staccionata.

Ogni gigante ha un nome e la loro umanità è data dalla loro interazione con l’ambiente. Per esempio Teddy Friendly, creato da Dambo in collaborazione con un centro impiego che ha dato lavoro a quattro disoccupati, è seduto attorno a un lago e il suo braccio aiuta le persone ad attraversare il ruscello. Invece Little Tilde, è diventa una casa per gli animali, riempita con 28 case per uccelli.

I giganti si possono trovare seguendo una mappa preparata proprio da Dambo, oppure da una poesia sotto ogni scultura di legno che trasforma la visita in una caccia al tesoro. Ogni gigante lascia un indizio per trovare il successivo e lasciarsi avvolgere dalla meraviglia di questi boschi lungo il tragitto.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here