I Giardini di Sissi a Merano, un’oasi in cui si fondono natura, arte e cultura

Gli appassionati di botanica o semplicemente gli amanti della natura e dei fiori non possono perdersi i magnifici Giardini di Sissi di Castel Trauttmansdorff a Merano.

I Giardini di Sissi a Merano

I Giardini di Castel Trauttmansdorff si trovano a Merano e si estendono su 12 ettari di superficie che raccolgono oltre 80 ambienti botanici. Qui si riuniscono paesaggi esotici e mediterranei e si può godere di una vista mozzafiato sui panorami montani tutto intorno.  Qui fioriscono piante provenienti da tutto il mondo e la natura si va ad intrecciare all’arte e alla cultura. A rendere piacevole la visita troverete stazioni multisensoriali, suggestivi giardini a tema, padiglioni artistici ed esemplari del regno. Proprio questa compenetrazione di natura e arte gli è valsa la nomina, nel 2005, di “Parco più Bello d’Italia”, mentre l’anno successivo insigniti dell’ambizioso titolo di “Giardino d’Europa n. 6”.

I Giardini di Sissi
I Giardini di Sissi, Merano (www.trauttmansdorff.it)

Merano è diventata una meta molto ambita sin dal 1800 grazie al clima mite alla vegetazione rigogliosa, un toccasana per la salute. Una delle storie più affascinanti che riguarda questo luogo è senza dubbio quella del Sentiero di Sissi. La popolare Imperatrice Elisabetta d’Austria amava compiere lunghe passeggiate. Partendo dal centro di Merano si può percorre un sentiero che, attraversando residenze nobiliare, dimore storiche e giardini storici si giunge a piedi alla dimora imperiale di Castel Trauttmansdorff. L’Imperatrice Sissi elesse Castel Trauttmansdorff a suo domicilio invernale.

I Giardini, chiamati anche Giardini di Sissi, sono divisi in quattro grandi aree tematiche. Nella parte “Boschi del Mondo” si trovano latifoglie e conifere provenienti dall’America e dall’estremo Oriente. I “Giardini del Sole” invece sono un’area riservata alle piante mediterranee. I Giardini acquatici e terrazzati offrono sentieri che si snodano tra il verde del giardino all’italiana e inglese. Infine ci sono i Paesaggi dell’Alto Adige, dove sono rappresentate le colture che plasmano il territorio locale.
Sarà possibile vistare i Giardini dal 30 marzo 2018.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.