Si staglia su una collina di Reggello, a pochi chilometri da Firenze, un castello maestoso che forse in pochi conoscono, ma che nasconde al suo interno un valore artistico e architettonico inestimabile. E’ il Castello di Sammezzano.

Il Castello di Sammezzano: una meraviglia in pericolo

Il Castello di Sammezzano in Toscana è un gioiello architettonico che purtroppo ad oggi si trova in stato di abbandono. Numerose sono state le iniziative affinché venisse tutelato e rimanesse un patrimonio artistico italiano. Dopo varie vicissitudini legali ora il Castello di Sammazzano è stato inserito da Europa Nostra tra i 12 siti in pericolo in Europa.

castello di sammezzano
Il Castello di Sammezzano (http://iltirreno.gelocal.it)

Il Castello è opera del marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, che ne modificò la struttura preesistente adeguandolo alla corrente dell’Orientalismo che, nell’Ottocento, si diffuse in tutta Europa. Un esempio è la Sala dei Pavoni, un vero e proprio capolavoro artistico. È decorata con diversi tipi di legno colorato, in modo da assomigliare alla fantasia cromatica della coda di un pavone. La sala fu realizzata in stile Art Nouveau ed è caratterizzata da decorazioni a ventaglio, che vanno dal pavimento al soffitto.

Il Castello di Sammezzano orientaleggiante

castello di sammezzano
Il castello di sammezzano (sammezzano.org)

Tutte le stanze sono state decorate seguendo uno stile orientale, dove i colori e le fantasie eccentriche fanno del castello un’opera unica e sensazionale. Sono una diversa dall’altra e hanno nomi fantasiosi, come la già citata Sala dei Pavoni, la Sala Bianca ispirata a Granada, la Sala dei Gigli e quella delle Stelle, la Galleria delle Stalattiti e la Sala degli Amori.

castello di sammezzano
Castello di Sammezzano (zingarate.com)

Il Castello di Sammezzano inoltre è circondato da un parco storico, patrimonio botanico di inestimabile valore. Qui è possibile trovare alcune specie arboree indigene tra cui le sequoie della California.
Il castello è chiuso dagli Anni ’90. Le visite sono solo un paio a l’anno e sono rigorosamente a numero chiuso (circa 800 persone).


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

2 Commenti

  1. Da quello che sapevo non si può più visitare perchè è stato acquistato da un privato (un arabo).
    Vi risulta?
    Io sono stata questa estate e oltre ad essere chiuso, era in una condizione di totale decadenza purtroppo.

    • Da quello che ho letto il tribunale fallimentare di Firenze ha accolto il ricorso della società Kairos, ex proprietaria del Castello, annullando quindi il passaggio ai nuovi proprietari arabi. E’in totale degrado e per questo il gruppo Save Sammezzano è riuscito a candidare il castello a un progetto di Europa Nostra che mira alla salvaguardia degli splendori di tutto il Vecchio Continente “più a rischio” e ora in stato di degrado.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.