L’Englischer Garten, un bellissimo parco pubblico in stile inglese nel centro della città di Monaco di Baviera.

L’Englischer Garten di Monaco di Baviera

L’Englischer Garten è un grande polmone verde che si estende dal centro fino al confine nord-orientale della città di Monaco di Baviera. Con i suoi 3,7 km² di estensione questo giardino inglese è considerato uno dei più grandi parchi pubblici del mondo insieme a Central Park newyorkese e Hyde Park londinese.

Englischer Garten
Englischer Garten (muenchen.tv)

Benjamin Thompson, noto anche come “conte di Rumford”, creò il parco nel 1789 su commissione del principe elettore Karl Theodor, venne poi riprogettato nel 1807 da Friedrich Ludwig Von Sckell secondo lo stile paesistico.

Il suo nome significa letteralmente Giardino Inglese e si riferisce appunto allo stile scelto per la sua realizzazione. I giardini inglesi si sono sviluppati intorno al Settecento e si contrappongono a quelli geometrici tipici dei giardini all’italiana, per l’avvicendarsi di elementi naturali e artificiali in maniera apparentemente informale, andando a comporre un paesaggio variegato ma allo stesso tempo curato.

In principio era un giardino per i militari, in seguito è diventato il primo parco pubblico della Germania. Questo progetto si è rivelato una mossa intelligente da parte del principe elettore Karl Theodor il quale non era particolarmente amato dal popolo e che si accattivò la sua benevolenza con un parco destinato ad ogni ceto sociale.

Englischer Garten
Englischer Garten,Monopteros (monaco-baviera.net)

L’estate è il luogo perfetto per rilassarsi, sdraiarsi sotto il sole o sotto l’ombra di un albero. Il piccolo ruscello che attraversa il parco dà l’opportunità di rinfrescarsi e di fare il bagno, un atto di coraggio in realtà vista l’acqua freddissima! Qui è inoltre possibile fare surf! Ebbene sì, si può fare surf anche in città. L’onda stazionaria del fiume Eisbach è cavalcata dagli amanti del surf provenienti da tutto il mondo. Il surf fluviale è una vera e propria attrazione da queste parti, anche se è riservato solo ai più esperti vista la pericolosità delle acque del fiume. Numerosi però sono i visitatori che si intrattengono affascinati dalle acrobazie dei surfisti che si divincolano sulle loro tavole attraverso le acque tumultuose del fiume.

Da vistare anche la Chinesischer Turm, La Torre Cinese, che vuole ricordare una delle pagode di porcellana che si trovavano nei giardini dell’imperatore della Cina. Qui si trova anche il più grande biergarten della città, e il Monopteros, un tempietto in stile greco realizzato da Leo von Klenze, un luogo romantico dove potersi godere il tramonto con la propria dolce metà. Infine un altro elemento proveniente dall’oriente è la piccola Japanische Teehaus, donata alla città dal governo di Tokyo in occasione delle Olimpiadi del ’72. È una sala da tè ed un giardino in stile giapponese, dove si tiene regolarmente una cerimonia tradizionale giapponese per la consumazione del tè.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here