L’Antartide ha perso negli ultimi 26 anni, 3 trilioni di tonnellate di ghiaccio. Questo è quanto emerge da una ricerca che dà un quadro completo sul cambiamento della  calotta polare antartica fino ad oggi.

La triste realtà dell’Antartico

L’innalzamento delle temperature e lo scioglimento dei ghiacciai è un problema ormai noto a tutti. Un fenomeno facile da individuare nell’Antartico, ma anche in molti altri luoghi in tutto il mondo. Le calotte di ghiaccio dell’Antartide hanno abbastanza ghiaccio per innalzare i livelli di acqua di mare di 58 metri e stiamo già assistendo all’inizio di questo processo.

scioglimento dei ghiacciai
Scioglimento dei ghiacciai in Antartide. photo credit: Alto Crew by unpslash.com

Dal 1992, 3 trilioni di tonnellate di ghiaccio si sono sciolte, corrispondenti ad un aumento di 8 millimetri. Anche se può sembrare una banalità, è importante notare che questo è il livello del mare globale, che in realtà è una quantità enorme.

Utilizzando 24 stime indipendenti basate sull’osservazione satellitare dell’equilibrio di massa delle lastre di ghiaccio determinate nel periodo 1992-2017, i ricercatori dell’ESBIE hanno analizzato lo scioglimento dell’Antartide, scoprendo una triplicazione dei tassi di perdita di ghiaccio dall’Antartide occidentale, da 53 a 159 miliardi di tonnellate all’anno. Questo tasso di perdita di ghiaccio è anche aumentato da 7 a 33 miliardi a seguito del collasso dei ghiacci.

Il coautore Professor Martin Siegert del Grantham Institute – Climate Change and the Environment at Imperial ha dichiarato: “Alcuni dei cambiamenti che l’Antartide dovrà affrontare sono già irreversibili, come la perdita di alcune piattaforme di ghiaccio, ma c’è molto che possiamo fare. Per evitare i peggiori impatti, avremo bisogno di una forte cooperazione internazionale e di una regolamentazione efficace supportata da una scienza rigorosa. Ciò si baserà sui governi che riconoscono che l’Antartide è intimamente collegata al resto del sistema terrestre, e che i danni arrecati causeranno problemi ovunque “.

Cosa succederà all’Antartico?

scioglimento dei ghiacciai
Scioglimento dei ghiacciai. Photo credit: Alexander Hafemann by unsplash.com

Ci sono due scenari possibili e la data di scadenza per entrambi il 2070: uno in cui sono state implementate normative severe e una in cui non sono state implementate. Secondo la loro analisi, entro il 2070, l’Antartide sembrerà drasticamente diversa a seconda di quale scenario si verifica.

Con emissioni elevate e bassa regolamentazione, l’Antardite subirà notevoli cambiamenti:

  • Entro il 2070, il riscaldamento dell’oceano e dell’atmosfera causerà una drastica perdita delle principali piattaforme di ghiaccio, portando ad una maggiore perdita di ghiaccio causando un’accelerazione globale nell’innalzamento del livello del mare.
  • Mentre il pianeta continua a riscaldarsi, il ghiaccio marino si ritira sempre di più e l’acidificazione degli oceani sta causando un enorme tributo agli ambienti marini.

Con basse emissioni e dei regolamenti rigidi, l’Antartide del 2070 sembrerà proprio come agli inizi degli anni 2000.

  • Le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide sono rimaste intatte, rallentando la perdita di ghiaccio dalla calotta di ghiaccio e riducendo la minaccia di innalzamento del livello del mare.
  • L’acidificazione degli oceani non è peggiorata e gli ecosistemi antartici sono rimasti intatti.
  • Le pressioni umane sull’Antartico sono gestite da un regime di governance sempre più collaborativo ed efficace.

Il professor Siegert ha detto:

“Se il panorama politico di una futura Antartide è più preoccupato della rivalità e di come ogni paese possa ottenere il massimo dal continente e dai suoi oceani, allora tutte le protezioni potrebbero essere rovesciate”.

“Tuttavia, se riconosciamo l’importanza dell’Antartide nell’ambiente globale, esiste il potenziale per la cooperazione internazionale che utilizza prove per mettere in atto cambiamenti che evitino” punti di non ritorno “: i confini che una volta attraversati causerebbero cambiamenti in fuga, come il crollo della calotta antartica occidentale “.

La valutazione, condotta dal professor Andrew Shepherd presso l’Università di Leeds e dal dott. Erik Ivins presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California, è stata supportata dall’Agenzia spaziale europea (ESA) e dall’US National Aeronautics and Space Administration (NASA). L’importanza delle agenzie spaziali nella valutazione di questi scenari ambientali rimane di cruciale importanza.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.