Di luoghi stupendi ne è pieno il mondo, soprattutto se il viaggio prevede una motocicletta come mezzo di trasporto. A volte, però, raggiungerli non è proprio una passeggiata. Strade sterrate e lunghi tunnel rocciosi: ecco le strade più pericolose del mondo da percorrere in moto.

Camino de la Muerte – Bolivia

le strade più pericolose del mondo da percorrere in moto
camino de la muerte – Bolivia (http://www.adventure4you.com)

Il Camino de la Muerte (via degli Yungas  – Strada della Morte) è una delle strade, fino a qualche anno fa, principali della Bolivia. La strada della morte, infatti, collega La paz con Coroico attraverso le provincie di Pedro domingo Murillo e Nor Yungas. Questa strada è considerata una, se non “la”, strada più pericolosa del mondo. La strada si snoda attraverso le montagne, stretta, senza protezioni laterali (da un lato c’è la parete rocciosa della montagna, dall’altro un alto burrone). Inoltre la scarsa manutenzione e la natura della pavimentazione stradale, rende questo percorso assai sdrucciolevole. In più in alcuni tratti presenta delle pendenze particolarmente pericolose, spesso oscurate dalle fitte nebbie. Ma la pericolosità di questa strada non ha fermato i centauri che spesso la percorrono per il piacere dato dalle marcate inclinazioni.

La “strada dell’amicizia” – dal Nepal al Tibet

le strade più pericolose del mondo da percorrere in moto
strada dell’amicizia Nepal – Tibet (http://www.adventure4you.com)

La “strada dell’amicizia”, così chiamano il percorso che dal Nepal conduce al Tibet. Questa strada sterrata, infatti permette di raggiungere il campo base dell’Everest. È un percorso meraviglioso, ricco di curve e tornanti interessanti da affrontare con la moto, paesaggi mozzafiato. Il problema, anche in questo caso è la ridotta larghezza della strada e la pavimentazione poco (o meglio affatto) curata. Questa strada, infatti, è spesso frequentata dai camion o dai pullman che raggiungono il Campo base dell’Everest, che prendono tutto lo spazio sulla strada. Nel caso in cui si dovessero incontrare questi mezzi di trasporto bisognerà trovare valide soluzioni per liberare il passaggio senza compromettere nessuno!

Tunnel Guoliang – Cina

le strade più pericolose del mondo da percorrere in moto
tunnel Guoliang – cina (https://upload.wikimedia.org)

Per tutti i centauri che volessero intraprendere un viaggio in Cina fate estrema attenzione al tunnel di Guoliang. Questa strada scavata interamente nella doccia è soprannominata “la strada che non tollera errori”. Il Tunnel di Guoliang, infatti presenta dei pericoli imminenti. La sua parte più esterna infatti costeggia un precipizio, e le protezioni non sono così rassicuranti. Inoltre, questa strada è caratterizzata da impressionanti curve.

[travel]

Ritenuta una delle strade più pericolose del mondo il Tunnel Guolian percorre le montagne Taihang nella provincia dello Henan e collega il villaggio di Guoliang al resto del mondo. Il tunnel è stato realmente scavato a mano nella roccia dagli abitanti del villaggio, poiché non vi era una vera e propria strada che li collegasse alla civiltà. Data la sua natura così caratteristica, il tunnel Guoliang attira ogni anno numerosi turisti.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!