Si sa, a Las Vegas non si possono cercare monumenti o bellezze naturali da visitare, quello che si può fare è esplorare la città e apprezzare il suo fascino eccentrico e megalomane.

Las Vegas: terza tappa del mio viaggio on the road

A Las Vegas si gioca d’azzardo, si riempiono le slot machine, si beve, si balla, si spende, ci si sposa addirittura. La città del peccato dove “quello che succede a Las Vegas rimane a Las Vegas”, fatta di eccessi, colori, musica e megalomania, è la città più grande dello stato del Nevada ed è la terza tappa del mio viaggio on the road. Partiti da Los Angeles siamo migrati verso sud a San Diego al confine con il Messico, per poi risalire leggermente verso Las Vegas che dista circa sei ore di macchina.

Leggi anche: California on the road: San Diego, una metropoli pacifica come l’Oceano che la sfiora
Leggi anche: Come noleggiare una macchina negli Stati Uniti senza carta di credito?

Prima di riuscire a vedere la città con i tuoi occhi, la mente ha sicuramente elaborato una serie di sconcertanti immagini riguardo a Las Vegas, nutrite dalla moltitudine di film che hanno scelto la Sin City come location e dalle leggende trasgressive che aleggiano introno ai suoi casinò.

Las Vegas
Las Vegas. Photo credit: Marida Muscianese

La città che avevo immaginato era sporca, disordinata, un agglomerato insensato di grandi hotel e casinò, poco attraente agli occhi di una come me che non prova il minimo interesse per il gioco d’azzardo. Complici sono stati i numerosi film a tema “autodistruzione” ambientati qui, fra i tanti la saga Una notte da leoni, lasciando il compito ai vari Ocean’s di riequilibrare il tutto con un tocco di classe.

Effettivamente la città è un insieme di enormi alberghi di lusso e locali, ma si presenta molto più pacata di quanto mi aspettassi. La Sin City con mio grande stupore si è dimostrata una città adatta anche per le famiglie. Offre una grande varietà di eventi, show e attrazioni che riescono ad intrattenere qualsiasi fascia di età. Si può alloggiare in alberghi di lusso anche con poco, soprattutto se si viaggia in gruppo e si prenota con largo anticipo. Il modo di spendere ovviamente non manca considerando che una semplice birra al Caesar Palace costa circa 20 dollari.

Las Vegas
Las Vegas. (Ihtesham Ismail by unsplash.com)

La Strip e i suoi alberghi sono l’essenza e la sostanza dell’intera città. Una strada di circa 7 chilometri di alberghi, fontane enormi, locali e casinò, che sprizza tentazioni da tutti i pori. La verità è che la sfavillante Las Vegas non è affascinante solo al calare del sole quando le luci artificiali colorano lo skyline e danno il via alle danze, anche sotto la luce del giorno la città merita uno sguardo perché se ne possono apprezzare i dettagli una volta che le luci accecanti si sono dileguate.

Leggi anche: Venice, la Venezia di Los Angeles dalle mille eccentriche personalità

Las Vegas
Las Vegas. Photo credit: Marida Muscianese

Una volta qui ci si sente però in dovere di seguire un certo copione che ti farà dire “sì, sono stata a Las Vegas”, nonostante la mia permanenza qui sia stata solo di una notte.
Ho visto il Bellagio che con una eleganza tutta sua e molto kitsch cerca di far rivivere al suo interno l’atmosfera delle ville del Lago di Como. Ho visto i suoi spettacoli di luci e giochi d’acqua, che ogni 30 minuti intrattengono le folle di turisti estasiati dallo zampillio delle colonne d’acqua. Ho giocato e perso un dollaro alle slot machine del Caesar Palace, ed ho visto un amico puntare e vincere e poi perdere alla roulette dell’enorme costruzione in stile “Antico Impero Romano”.
Ho giocato a beer pong nel casinò del Flamingo Hotel, il più vecchio di quelli ancora esistenti sulla Strip. Ho fatto foto con sconosciuti improbabili. Mi sarebbe piaciuto assistere ad uno spettacolo del Cirque du Soleil. Ho attraversato decine di volte i ponti che collegano tutti gli alberghi da una parte all’altra della strada. Mi sono goduta lo skyline dal trentaduesimo piano del Marriott Hotel da cui spuntavano il medioevale Excalibur Hotel and Casino, il Luxor Hotel in stile egiziano, il Mirage e il Venetian.
E no, non mi sono fatta sposare da Elvis Presley!

Leggi anche: Il Molo di Santa Monica, un colorato, pazzo e divertente affaccio sull’Oceano californiano


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.