In Liguria, nella provincia di Imperia, sorge un enigmatico borgo dalla controversa storia. Questo paesino che sta attirando molti turisti, soprattutto negli ultimi anni, è Triora, ormai noto anche come il paese delle Streghe. Ecco dove come arrivarci e cosa vedere.

Triora e le streghe

triora
Il borgo di Triora e le sue streghe (http://thelivingnews.it)

Triora è un borgo medievale, un tempo fortezza inespugnabile della Repubblica di Genova oggi conosciuto come il paese delle streghe. Nel 1587, Triora è stata scenario di una delle più grandi cacce alle streghe in Italia. Durante questi processi sono state accusate molte donne locali, “colpevoli” di essere le artefici di epidemie, piogge acide e uccisione di bestiame. Alcune di queste donne sono state addirittura accusate di mangiare bambini. Questo drammatico evento, ancora oggi particolarmente ricordato, ha portato alla condanna e alla morte al rogo di diverse donne, ragazze ed anche un ragazzo. Questo è stato uno dei processi più drammatici per stregoneria, avvenuto in Italia. Tant’è che alla fine del 1500, dopo la notizia di questi avvenimenti, tanti altri borghi italiani hanno iniziato questi inutili processi. Oggi, infatti, è nota soprattutto come il paese delle streghe. Difatti, sono molti gli eventi organizzati ogni anno per ricordare le streghe del paese.

Dove si trova Triora

triora
Triora: dove si trova la Salem italiana? (https://www.italytravelweb.it)

Triora, ormai da molto tempo, è entrato a far parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. Situato a pochi km da Imperia, in Liguria, è stato costruito interamente sulla cima di una montagna, precisamente a 900 m d’altezza. Oggi il paese è abitato solo da 400 persone e dai turisti, ormai molto numerosi, che vanno e vengono. Questo è un borgo che, al di là della sua storia drammatica, grazie al paesaggio che lo circonda sa ricreare un’atmosfera magica, donando ai visitatori un vero e proprio senso di libertà. La Salem di casa nostra, infatti, ha un animo proprio, è avvolta in un velo di mistero che si snoda ad ogni passo fatto per le sue viuzze caratteristiche.

Cosa vedere a Triora

Triora
La Cabotina a Trioria: il luogo di ritrovo delle streghe di Triora (http://thelivingnews.it)

Le cose ed i luoghi da vedere a Triora sono molti. Prima di tutti consiglio di lasciarsi rapire dal panorama: il borgo è sospeso su un monte che regala una vista mozzafiato e un totale senso di libertà. La piazzetta con il belvedere accoglie i visitatori con la sua statua della strega. Questa immagine mistica prosegue percorrendo i tipici carrugi. Tra questi vicoli possiamo trovare molti luoghi in contrapposizione da visitare. Partendo dal Museo Etnologico e della Stregoneria, si può giungere poi alle 2 Chiese più importanti di Triora. Al centro del paese troviamo, dunque, la Chiesa della Collegiata e la Chiesa di San Bernardino. Quest’ultima è stata resa famosa dai suoi affreschi medievali. Ed ancora, si può visitare il luogo in cui, secondo la tradizione, storicamente ha accolto le streghe: la Cabotina. Però ancora non si sa per certo se questo era soltanto il luogo di ritrovo o una vera abitazione delle streghe. Infine, risalendo il borgo si giunge al Castello diroccato.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here