Dov’è legale la marijuana? Scopri i paesi in cui fare un viaggio da sballo!

In Italia non si può né coltivare, né possederla e né venderla, ma nel resto del mondo le leggi riguardo la marijuana cambiano di paese in paese. Alcuni prevedono restrizioni molto severe mentre in altri è del tutto lecito fumarla.

Stiamo parlando di una sostanza psicoattiva che si ottiene dalle piante femminili essiccate di canapa (Cannabis). In tutte le varietà di canapa sono contenute, in quantità variabili, diverse sostanze stupefacenti, tra cui la principale è il delta-9-tetraidrocannabinolo, comunemente detto THC, il motivo per cui questa pianta è illegale. La marijuana è un allucinogeno quindi considerata una droga, il consumo per scopo medico della sostanza è ormai sdoganato in molte parti del mondo: la marijuana è infatti utile nel trattamento di alcune malattie, specialmente quelle degenerative dell’apparato nervoso.
Al di fuori dai giudizi sulla legittimità del suo consumo, se volete provare questo stato sognante che la marijuana promette di indurre, ecco una mappa dei luoghi dove è legale consumarla.

Stati in cui è legale

marijuana

In alcuni Stati del mondo l’uso della cannabis è legale, tollerato oppure permesso ma con alcune restrizioni. In alcune realtà addirittura il consumo di marijuana fa addirittura parte delle tradizioni del Paese. Scopriamo quali!

  1. Cinque stati negli Usa: in Colorado, Washington, Alaska, Oregon e distretto di Columbia l’uso è legale anche per «fini ricreativi».
  2. Uruguay: anche qui la “maria” è legale, ogni cittadino maggiorenne può coltivare, acquistare e consumare legalmente marijuana a patto che si registri in un albo dei consumatori.
  3. Olanda: Amsterdam, spesso identificata come la città della perdizione fa della marijuana uno dei suoi vanti. Infatti qui, anche se non è legale, è comunque tollerata la vendita nei famosi Coffee Shop. Pene pecuniarie o penali dipendono dalla singola quantità in possesso, e la detenzione fino a 5 grammi non prevede sanzioni di alcun tipo.
  4. Bangladesh: qui in cui non esiste nessuna legge in proposito ed è quindi, di fatto, totalmente legale.

 Stati in cui è illegale ma depenalizzata

[travel]

Più corposo è l’elenco dei Paesi in cui l’uso della marijuana è illegale ma depenalizzato. Depenalizzare consiste nel trasformare illeciti penali in illeciti amministrativi, quindi rimane proibito il consumo per scopo ricreativo e soprattutto lo spaccio e la vendita. Ma rimangono azioni permesse la produzione e la vendita e il consumo a scopo medico prescritto da uno specialista. La pena per il possesso di basse quantità, inoltre, non prevede il carcere.

  1. Spagna: qui è illegale portarla in giro e fumarla in luoghi pubblici, ma è legale coltivarla in casa e farne uso in luoghi autorizzati, i cosiddetti social club.
  2. Portogallo: dal 2001 è legale il possesso fino a 25 grammi di marijuana e 5 di hashish, ma vietata la compravendita.
  3. Italia: è depenalizzato il consumo personale e consentito l’uso medico, ma la maria rimane illegale.
  4. Svizzera: è proibito possedere e coltivare la cannabis, anche se in alcuni cantoni è permessa fino ad un massimo di 4 piante per persona.
  5. Austria: è permessa la coltivazione a scopo terapeutico ma è depenalizzato l’uso personale di una piccola quantità.
  6. Repubblica Ceca: è permesso possederne fino a 15 grammi e la coltivazione ad uso personale. Ma è vietata la vendita.
  7. Germania, non è proibito il possesso entro i 10 grammi, l’uso è legale.
  8. Australia, Argentina, Cile, Paraguay, Perù, Colombia, Ecuador, Costa Rica, Giamaica.

Stati in cui è illegale ma spesso non perseguita

In questi Stati l’utilizzo della marijuana è proibito e perseguito a livello legislativo, ma è nello stesso tempo tollerato più o meno ampiamente.

  1. Messico: è illegale ma alcune persone hanno ottenuto una speciale autorizzazione governativa per la coltivazione ed il consumo lecito a scopo ricreativo.
  2. Brasile: netta distinzione tra trafficanti e consumatori, il reato è depenalizzato.
  3. India: l’utilizzo è permesso per scopi religiosi.
  4. Cambogia: la polizia non ferma i consumatori.

 Stati in cui è del tutto illegale

marijuana
cannabis illegale (intelligencesquaredus.org)

Nel resto del mondo il consumo della marijuana rimane ancora illegale ed il suo utilizzo un reato penale. Le punizioni per questo genere di reato sono tuttavia molto variabili da Stato a Stato, vanno da semplici multe al carcere, fino alle pene corporali.

  1. Croazia: punito severamente il possesso anche solo di un grammo con una multa, per la coltivazione e la vendita si rischiano dai 3 ai 15 anni di carcere.
  2. Romania: multe per il possesso di modiche quantità, lo spaccio ed il possesso di grandi quantità prevedono il carcere.
  3. Belgio, Francia, Giappone, Israele, Nuova Zelanda, Polonia, Regno Unito.
  4. Vi sono poi alcuni stati in cui è prevista la pena capitale anche per il possesso di piccole quantità (Iran, Malesia, Arabia saudita, Emirati Arabi Uniti), la fustigazione o l’ergastolo per piccole quantità e la pena capitale per dosi consistenti (Indonesia, Singapore), la cura all’interno di un «campo di lavoro e rieducazione» (Cina).

Infine c’è la Corea del Nord: della legislazione del paese retto da Kim Yong-un sulla non si sa nulla con certezza. Ma secondo alcune fonti e immagini satellitari, esistono ampie coltivazioni di cannabis nel Paese.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.