La notte più spaventosa dell’anno è arrivata! Pronti a festeggiare travestiti da mostri inquietanti e streghe cattive? Per assaporare appieno questa festività, ecco delle curiosità riguardo alla festa di Halloween che forse non sapete!

1. Festa di Halloween: da dove viene il nome?

Iniziamo dall’etimologia del nome, Halloween è la forma contratta di “All Hallows Eve”, una versione inglese arcaica di All Saints, cioè Ognissanti. Secondo alcuni storici le sue origini risalgono alla festa celtica di Samhain che segnava la fine dell’estate. Una ricorrenza pagana, assorbita dalle religioni cattolica e protestante che a metà dell’800, quando gli emigrati scozzesi e irlandesi la esportano in America, vive una seconda giovinezza.

2. Festa di Halloween: il Nero e l’Arancione

Il nero e l’arancione sono senza dubbio i colori di Halloween .
Il nero, simbolo di morte e mistero, è il colore utilizzato dalle streghe per scacciare il maligno.
L’arancione, simbolo di luce e forza, è tipico dell’autunno: è il colore della zucca e delle foglie autunnali.
Nell’Irlanda celtica, il 31 Ottobre coincideva con il termine della stagione estiva ed i due colori simboleggiavano la transizione dall’estate all’inverno.

festa di halloween
Festa di Halloween (rawpixel by unsplash.com)

3. Festa di Halloween: la Samhainofobia

Esiste anche una fobia di Halloween ed è chiamata proprio Samhainofobia. David DiSalvo, divulgatore scientifico, spiega su Forbes: “Non è un semplice fastidio per la festa di Halloween. Ma una fobia clinicamente diagnosticata, come lo sono l’aracnofobia (paura dei ragni) e la coimetrofobia (paura dei cimiteri). Qualche volta si presenta associata ad altre fobie come la phasmofobia (paura dei fantasmi), la wiccafobia (paura delle streghe) e la nictofobia (la paura dell’oscurità notturna)”.

4. Festa di Halloween: la leggenda di Jack-o’-lantern

Il simbolo di Halloween è sicuramente la Jack-o’-lantern, una lanterna scavata in una zucca dalle sembianze umane. Questa usanza trova le sue origini nella leggenda di Stingly Jack, il contadino irlandese che tentò di truffare il diavolo, finché questi lo condannò a vagare nell’oscurità con solo un tizzone ardente per fare luce. E Jack vi costruì attorno una lanterna partendo da una rapa. Successivamente, in America, si diffuse l’usanza di intagliare la zucca.

5. Festa di Halloween: da cosa nasce l’usanza di travestirsi?

Anche i travestimenti di Halloween provengono da un’usanza tramandata dai Celti: nell’antichità la notte del 31 ottobre era dedicata ai sacrifici e, nei tre giorni successivi alla festa, si indossavano le pelli di animali morti proprio per esorcizzare e spaventare gli spiriti ritornati sulla terra dalle tenebre e che, secondo la tradizione, vagabondavano alcuni giorni per la città.

Festa di Halloween
Festa di Halloween (NeONBRAND by unsplash.com)

6. Festa di Halloween: Trick-or-Treat?

Trick-or-treat (dolcetto o scherzetto) è la formula di rito con cui i bambini, vagando di casa in casa, chiedono dolcetti e caramelle. Originariamente cibo e bevande erano offerti ai defunti che tornavano sulla terra durante questa notte. In seguito, con la diffusione del culto cristiano dei morti, il 2 novembre, un dolce tipico chiamato la Torta dell’Anima veniva offerto ai mendicanti che in cambio promettevano di pregare per i cari estinti. È solo nel dopoguerra che arrivano le caramelle quando negli Usa Halloween si diffonde come festività laica: i produttori di dolci e caramelle si lanciano così in questo nuovo business.

7. Festa di Halloween: tra leggende e credenze popolari

Secondo una tradizione americana, alla vigilia di Halloween  si può scoprire quanto tempo si vivrà: basta sbucciare una mela senza interrompersi. Più lunga sarà la striscia di buccia, più lunga sarà la vita.
Invece un’antica tradizione scozzese sosteneva che una ragazza avrebbe visto il volto del suo futuro marito se avesse steso delle lenzuola bagnate davanti a un fuoco la notte di  Halloween.
Un’altra credenza dice che se la notte di Halloween si indossano i vestiti al rovescio e si cammina all’indietro, si vedrà una strega.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.