Il Giardino dell’Orticoltura di Firenze ospita una bellissima serra ottocentesca, uno dei gioielli del capoluogo toscano: il Tepidario del Roster.

La serra nel Giardino dell’Orticoltura di Firenze

Nella seconda metà dell’800 si assistette ad un gran diffondersi dell’arte del giardinaggio così nel 1852, l’Accademia dei Georgofili nominò una commissione affinché formasse in Toscana una società d’orticoltura: la Società Toscana di Orticoltura. Nacque di conseguenza il primo orto sperimentale all’inizio di via Bolognese sui territori di proprietà del marchese Ludovico Ginori Lisci e della marchesa Marianna Venturi.

Tepidario del Roster
Tepidarium del Giardino dell’Orticoltura (incredibilia.it)

Solo anni dopo, nel 1880, ci fu la prima esposizione nazionale di orticoltura ad opera della Regia società toscana e si tenne nel giardino ancora oggi visitabile. Fu in questa occasione che si decise di realizzare un tepidario (o Tepidarium), ovvero una grande serra riscaldata attraverso delle stufe, dove potevano trovare dimora le piante più esotiche.

Leggi anche: Pronto per un week end fuoriporta? Visita Volterra!

Tepidario del Roster

L’autore del progetto fu l’architetto e ingegnere Giacomo Roster, la sua opera ebbe un gran successo grazie alla maestosità della struttura in ferro e vetro tipica europea.
Il Tepidario del Roster è il più grande in Italia, e per la sua realizzazione vennero usate per la prima volta tecniche di prefabbricazione degli elementi in ferro, montati successivamente in cantiere, e decorazioni in stile moresco fiorito. L’edificio misura 650 metri quadri di superficie sormontati da una enorme copertura simile alla carena di una nave rovesciata, il punto più alto della navata centrale misura 14 metri. I visitatori potranno osservare dall’alto le numerose piante esposte tramite il ballatoio, e durante il tragitto lungo le scale si possono osservare le due vasche per le piante acquatiche con nicchie e spugne, simili alle grotte di Boboli.

Tepidario del Roster
Tepidario del Roster, Giardino dell’Orticoltura (gogofirenze.it)

Purtroppo con la prima guerra mondiale l’attività della Società toscana d’orticoltura andò piano piano verso il declino, così il comune acquistò il giardino che divenne pubblico. Il Tepidario abbandonato negli anni ’30, subì una grande opera di restauro, che andò persa durante la seconda guerra mondiale.

Negli ultimi anni questo luogo è stato rimesso a nuovo, nel 2013 c’è stata l’ultima operazione di restauro, ed ora è aperto al pubblico. Un grande spazio verde dominato da una bellissima serra ottocentesca che vale la pena visitare se si capita dalle parti di Firenze.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here