Visitare il Castello di Neuschwanstein

Il castello di Neuschwanstein è uno dei simboli della Baviera, nonché della Germania, nel mondo. Ogni anno, circa 1,4 milioni di persone, con punte in estate di oltre 6 mila visitatori al giorno di media affollano le sue stanze, una volta destinate ad una sola persona. Per questo motivo, Neuschwanstein può essere incluso fra i castelli e le fortezze più visitati e più affascinanti d’Europa. Situato nel Sud della Baviera quasi al confine con l’Austria, domina dall’alto dei suoi 965 metri i paesi di Füssen e Schwangau ed il magnifico paesaggio circostante con il castello di Hohenschwangau.

E’ il castello delle favole per eccellenza. Infatti, Walt Disney, rimastone affascinato, prese il castello di Neuschwanstein come modello per alcuni dei suoi più celebri film di animazione. Tra cui La bella addormentata nel bosco, Biancaneve e i sette nani, Cenerentola, Rapunzel. Questa dimora è anche presente in tutti i parchi Disney del mondo. Ma non solo: nel castello sono stati ambientati numerosi film, ad esempio, “Palazzo di Vulgaria” nel film Chitty Chitty Bang Bang.

Castello di Neuschwanstein
Il Castello di Neuschwanstein (Johannes Plenio by unsplash.com)

Storia del Castello di Re Ludwig II

Re Ludwig II di Baviera ordinò la costruzione del castello di Neuschwanstein. I lavori, che non videro mai il completamento, ebbero inizio il 5 settembre del 1869. Vennero tolti fino a otto metri di roccia affiorante per fare spazio alle fondamenta. Nella prima pietra, il 5 settembre 1869, vennero inseriti il progetto dei lavori, alcuni ritratti del committente e delle monete del suo regno. Ludovico II vide, fino all’ultimo, il suo nuovo castello solo come cantiere; la caminata e la torre quadrata vennero portate a termine solo nel 1892 in maniera semplificata.

La visita del Castello di Neuschwanstein

Ogni giorno Neuschwanstein folle di turisti prendono d’assalto il castello, tutti intenti a prenotare il proprio turno d’ingresso e a fare le migliori foto possibili. Agli esterni del Castello di Neuschwanstein si accede liberamente, mentre la visita agli interni è solo guidata ed a pagamento. Gli interni sono affrescati o arredati con quadri e mobilio d’epoca.

Sono molte le attrazioni che affascinano i visitatori: la sala del trono in stile bizantino, i gradini di marmo di Carrara che portano all’abside che doveva sovrastare un trono d’oro e d’avorio, mai realizzato perché dopo la morte del re tutti i lavori previsti e non ancora iniziati non vennero portati a termine. I numerosi dipinti rappresentanti figure sacre, tra cui  i dodici Apostoli e “La lotta di San Giorgio con il drago”. Inoltre, il grande candelabro a forma di corona bizantina, eseguito in ottone dorato in cui sono inserite 96 candele. Il pavimento in mosaico realizzato utilizzando oltre due milioni di tessere.

Ludwig II aveva una predilezione per le camere da letto sfarzose e per questo quella realizzata a Neuschwanstein in stile tardo gotico è ornata da meravigliosi intagli in legno di quercia che si possono ammirare principalmente sul baldacchino del letto, sul lavabo, sulla colonna centrale e sulla sedia di lettura.

Sono ancora numerose le meraviglie da scoprire all’interno del castello, non vi resta che organizzare una gita fuori porta e lasciarvi incantare dalle sue meraviglie.

Potrebbe interessarti anche:



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
33 anni e mamma di tre splendidi figli. Innamorata della mia famiglia e, molto spesso, più bambina io di loro! Adoro il mio lavoro che, oltre a regalarmi soddisfazioni, rappresenta il mio momento di svago durante le giornate super indaffarate!