10.3 C
Roma
mercoledì 7 Dicembre 2022
LocationAlla ricerca delle origini: lasciati affascinare dalla maestosità della necropoli di Cerveteri,...

Alla ricerca delle origini: lasciati affascinare dalla maestosità della necropoli di Cerveteri, scopri la Banditaccia!

Autore del contenuto

Prima ancora dei Romani per molto tempo, c’è stato un popolo che si è stabilito nell’Alto Lazio: gli Etruschi. Questo popolo ci ha donato un’eredità esclusiva, tra arte, culto religioso e storia, lasciati affascinare dalla maestosità delle necropoli di Cerveteri.

Testimonianze di un popolo molto antico

cerveteri
Necropoli di Cerveteri (foto by Pixabay)

Nella zona nord del Lazio, in particolar modo nella Tuscia, sono presenti delle eccezionali testimonianze dell’antica civiltà etrusca. Gli Etruschi erano un popolo dell’Epoca pre-romana su territorio italiano. All’interno di questi siti storici, è possibile ammirare quali fossero realmente le loro abitudini, la vita e le tradizioni culturali, in particolar modo legate al culto religioso ed alla sepoltura.

A partire dal IX secolo a.C. gli Etruschi si sono insediati nei territori che ora corrispondono alle zone sul confine tra Lazio e Toscana. La loro cultura è presente fino al VI secolo, dopodiché lo scontro con il popolo romano è stato fatale anche per una civiltà così avanzata come gli Etruschi. Alla fine, i due popoli si sono fusi insieme dando origine a quello che poi è divenuta la civiltà più imponente al mondo: i Romani.

Le necropoli di Cerveteri e Tarquinia

A testimoniare la vita e l’insediamento etrusco in queste zone, sono rimaste delle testimonianze assai imponenti. Le necropoli di Cerveteri e Tarquinia sono un insieme di tombe, vere e proprie riproduzioni delle reali abitazioni tipiche dell’architettura etrusca. All’interno delle sale che compongono queste tombe, sono raffigurati in modo assai fedele attimi di vita quotidiana. Momenti impressi con colori naturali che raffigurano in modo dettagliato come si viveva in quell’epoca. Le necropoli di Cerveteri e Tarquinia sono tra le prime testimonianze storiche di nuclei sepolcrali del nostro Paese. Le due necropoli presentano delle sostanziali differenze sia nel sistema di sepoltura sia nel periodo di riferimento.

Necropoli di Cerveteri – la Banditaccia

cerveteri
Entrata ad una delle tombe della necropoli di Cerveteri (foto by Pixabay)

La necropoli di Cerveteri, conosciuta anche con il nome di Banditaccia, è composta da migliaia di tombe che si snodano attorno ad un sistema molto simile a quello urbanistico delle nostre città. Infatti, questo sito si sviluppa attraverso vie, piazze ed è suddiviso in quartieri. Essi si differenziano a seconda del periodo storico in cui sono stati eretti e per status della famiglia a cui apparteneva il sepolcro. Tra le tombe più famose inserite nel contesto della Banditaccia spiccano per particolarità e bellezza la Tomba dei Vasi Greci, la Tomba della Cornice e la Tomba dei Rilievi.



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:





Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.