Fotografia e viaggio non possono dispensare sogni ad altri anche se possono far nascere il desiderio di partire, proprio come è successo a me leggendo racconti e poesie del Marocco.

Fotografia e Viaggio Marocco
Strade del Marocco – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Partire senza una meta ma con tante mete

Fotografia e viaggio, pensiero e cammino. Sono questi i quattro perni attorno a cui ruota tutto quando si intraprende un itinerario di scoperta. E, perché tutto avvenga, bisogna lasciarsi trasportare dalla strada. In questo caso dal Marocco.

Mi documento sempre tanto prima di partire, lo stesso ho fatto per il Marocco, che sapevo essere lungo e nemmeno troppo comodo.

Lo stesso faccio di solito quando torno: toccata dalle storie dell’umanità cerco spiegazioni, trovo articoli, recupero immagini che mi fanno recuperare ricordi, altrimenti persi. Luoghi di cui non ho scritto al momento perché avevano, magari, bisogno di un maggior respiro. Come è successo per le Concerie di Fés.

Fotografia e Viaggio Marocco
Asini con mattoni – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Viaggiare nel mirino

Fotografia e viaggio sono complici ma, stranamente, un’immagine non ha mai bisogno della didascalia, più di un titolo, forse. La scrittura invece ne esce rafforzata, per svariati motivi. Uno tra tutti, può confermare la veridicità delle affermazioni.

Di solito, o almeno a me succede così, chi ha con sé una fotocamera vive il viaggio attraverso il mirino, come se guardarlo dal di fuori non avesse lo stesso significato. Cambiassero perfino i colori.

Tutto si acutizza lì dentro. E tutto resta più impresso che se si camminasse e basta. È una bella malattia, strana, lo ammetto, ma che poi restituisce una sua propria visione dei luoghi, racconta a modo suo un pezzetto di vita altrui, un chilometro di strada anonimo, un viso mai incontrato prima.

Fotografia e Viaggio Marocco
Er Rachidia, con i bambini – PhotoCredit: un compagno di viaggio

Tutte le tappe possibili

In questo ultimo articolo sul Marocco trovate i link di tutto questo magnifico viaggio, in modo da suggerire, a chi volesse partire, un itinerario-tipo, quelle mete che dovete assolutamente vedere con i vostri occhi.

E se doveste andare, al ritorno mi aspetto dei commenti, il vostro sguardo là dove ho guardato io, per confrontarci e arricchirci.

Ecco. I tanti momenti. Qualcuno lo si scatta, qualcuno lo si vive, qualcun altro lo si dimentica ma alla fine è tutto ancora vivo, cucito addosso, come una seconda, terza, quarta pelle, da portarsi dietro per sempre.

Dedico tutto il mio viaggio ai bambini di Er Rachidia, bellissimi e affamati del contatto umano, che per mano mi hanno accompagnata in giro nella loro meravigliosa oasi. Un grazie sincero.

Diario di Viaggio: Il Marocco. Le tappe dell’autrice:

Rabat     Meknes     Volubilis e Moulay Idriss     Fés     Fés e le Concerie     Ifrane, Foresta dei Cedri e Ziz Valley     Er Rachidia     Merzouga     Erg Chebbi     Gole del Dades     Gole del Dades e Canyon      Gole del Todra     Boumalne, Ouarzazate e la Kasbha     Ouarzazate e gli Studios      Ait ben Haddou e Kasbah Tebi      Ait ben Haddou il Presepe     Ait ben Haddou la Cima     Marrakech il Bazar      Marrakech il primo segreto    Marrakech il secondo segreto   Marrakech sonnambula     Marrakech il terzo segreto     Agadir     Essaouira Stazione Costiera     Essaouira Porto     Oualidia      El Jadida      Casablanca     Chellah

 


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.