Nel giorno in cui ricorre il 136° anniversario della nascita di Virginia Woolf (Londra, 25 gennaio 1882 – Rodmell, 28 marzo 1941), è d’obbligo omaggiarla con un itinerario lungo i luoghi nevralgici della vita della scrittrice. Virginia Woolf oltre ad essere una scrittrice di straordinaria bravura,tanto da essere considerata come una delle principali figure della letteratura del XX secolo. Ma, è stata anche una saggista e attivista britannica, sempre in prima linea nella lotta per la parità di diritti tra i due sessi. Scopriamo insieme i luoghi più caratteristici da visitare nella Gran Bretagna di Virginia Woolf.

La Londra di Virginia Woolf

Gran bretagna di virginia woolf
Il busto di Virginia Woolf a Londra (http://www.turismoletterario.com)

A Londra, città natale della scrittrice, è possibile visitare la casa di famiglia in Hyde Park Gate 22 al n° 46 di Gordon Square, in cui Virginia Woolf si trasferì assieme ai fratelli, dopo che il padre è venuto a mancare. Questo, inoltre è il luogo in cui si è formato il Bloosmbury Group. Nell’agosto del 1907 dopo che la sorella Vanessa si è sposata ed il fratello Thoby è venuto a mancare, Virginia Woolf, con Adrian l’altro fratello, si trasferiscono in una casa in Fitzroy Square, appartenuta precedentemente a George Bernard Shaw.

La casa in cui Virginia conosce colui che poi è diventato suo marito, si trovava al 38 di Brunswick Square, oggi purtroppo la casa non esiste più perché a causa dei lavori e delle modifiche apportate alla piazza la costruzione è stata abbattuta. Però è possibile andare a vedere il luogo in cui è rimasta per qualche anno con il marito in Fleet Street. Nel medesimo luogo hanno vissuto anche Charles Dickens, Samuel Pepys e Alfred Tennyson. A Londra inoltre, sorge una statua commemorativa dedicata a Virginia Woolf. Si tratta di un busto della scrittrice creato da Stephen Tomlin nel 1931. È possibile ammirare la statua in Tavistock Square, vicino alla statua di Gandhi. Questo è un altro luogo importante per Virginia, poiché si trova a pochi passi dalla casa in cui visse tra il 1924 e il 1939. Luogo in cui ha scritto parte dei suoi romanzi e ha stampato libri con il proprio piccolo marchio indipendente Hogarth House.

Monk’s House

gran bretagno di virginia woolf
Tutto è rimasto come allora nella Monk’s House che accolse Virginia ed il marito (https://d27xe58b9ijigq.cloudfront.net)

Monk’s House, così si chiama la villetta in cui Virginia ed il marito Leonard si sono trasferiti nel 1919. La costruzione si trova nel villaggio di Rodmell. In questo luogo i coniugi hanno ricevuto ospiti del calibro di Edward Morgan Forster, Thomas Stearns Eliot, Roger Fry, Lytton Strachey. Questo è il luogo in cui i coniugi si sono trasferiti definitivamente con l’avvento della guerra, poiché i bombardamenti hanno danneggiato la loro casa londinese. Qui Virginia scrisse molti dei suoi romanzi, da La stanza di Jacob a La signora Dalloway, da Gita al faro a Orlando. Anche la sua ultima opera incompiuta, Between the Acts, è ricca di riferimenti alla vita di Rodmell. Oggi la casa è aperta al pubblico, e tenuta in modo che i visitatori possano immedesimarsi nel luogo e nelle atmosfere che in passato hanno rapito la scrittrice.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here