Il Gap Year, meglio noto come anno sabbatico, è un periodo che ci si concede per fare un po’ di chiarezza nella propria vita. Ma sai realmente cos’è il Gap Year? Ecco quando, come e perché concedersi un anno sabbatico.

Cos’è il Gap Year?

anno sabbatico
Cos’è l’anno sabbatico? (foto by Pixabay)

Il Gap Year, che tradotto in italiano è l’anno sabbatico, consiste in un momento di pausa, di stacco dalla routine. Solitamente, questo periodo di stacco lo si consiglia agli studenti che stanno vivendo un momento di crisi nel loro percorso. Ma quando si tratta, invece, di lavoratori in una fase critica, spesso definita Burnout, la visione cambia. Un adulto che ha bisogno di staccare completamente dalla vita che sta facendo, non viene visto di buon’occhio. Però, a volte staccare la spina è l’unica soluzione, ecco quindi che un anno sabbatico è l’unica soluzione. Ma fate attenzione il Gap Year non è una lunga vacanza, ma bensì un lungo viaggio per ritrovare se stessi. Si tratta di un periodo atto a recuperare le forze, gli obiettivi di vita, ciò che si desiderava ma che si è dimenticato.

In Italia è permesso fare un anno sabbatico dal lavoro?

Il Gap Year è un’usanza assai diffusa nel mondo lavorativo anglosassone, un po’ meno in quello nostrano. Nel nostro ordinamento, infatti, vige una legge (8 marzo 2000, n°53) riguardo proprio tale questione.

“Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città”

Detta legge prevede che i dipendenti pubblici e privati che abbiano conseguito almeno 5 anni di anzianità nella medesima azienda possano far richiesta per un congedo di massimo 11 mesi per poter conseguire una formazione o realizzare un progetto. Le richieste facenti riferimento a tale legge, però, non sono molte, anche se negli ultimi anni la visione in tal senso sta cambiando, anche da parte della politica aziendale.

Le aziende, difatti, stanno prendendo coscienza che spesso per ottenere risultati migliori e di migliore qualità occorre garantire al personale una pausa rigenerante. In questo modo, quindi, si può far fronte alla sindrome di stagnazione che spesso colpisce i dipendenti annoiandoli e facendogli perdere interesse nel proprio lavoro.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here