Veneto – Patrimonio Unesco da gustare

Restiamo ancora nel Veneto. Nel precedente articolo abbiamo parlato di Venezia e la sua laguna, specificando le sue bellezze conosciute in tutto il mondo. Ma abbiamo parlato anche dei piatti tipici del posto che ogni visitatore non può farne a meno di gustare.

State pensando di visitare il Veneto in occasione della Pasqua? Consultate le proposte di VOLAGRATIS!

Il Veneto e i suoi siti Patrimonio dell’Umanità.

Oggi ci spostiamo nell’entroterra veneto: ci ritroviamo a Padova. Il suo Orto Botanico è stato nominato Patrimonio dell’Umanità nel 1997. La particolarità di questo luogo è che si tratta del più antico orto botanico al mondo. La sua fondazione risale infatti al 1545. Nel 2014 è stato ampliato con il Giardino della Biodiversità. Qui possiamo trovare 1300 specie che simulano le condizioni climatiche dei biomi del pianeta. Il visitatore ha l’immediata rappresentazione della ricchezza (o povertà) di biodiversità presente in ciascuna fascia climatica. Il giardino non racconta il pianeta dal punto di vista dell’uomo. Ma sposta l’attenzione sulle forme di vita vegetali. Emerge così il ruolo svolto dalle piante nell’evoluzione umana.

L’Orto Botanico di Padova è il più antico orto botanico universitario del mondo. (Photocredit: italiavirtualtour.it)
Veneto: Patrimonio Unesco da gustare. Padova ed i suoi piatti tipici.

La cucina padovana non vi lascerà sicuramente insoddisfatti. Soprattutto se amate i dolci. Infatti, oltre ai piatti di origine veneziana, potete gustare altre prelibatezze. La pinza di pane è un dolce che potremo dire appartenere alla cucina “povera”della tradizione contadina. Gli ingredienti sono farina bianca, farina gialla, lievito, zucchero e uova. A cui si aggiungono canditi, fichi secchi, uva passa, noci, semi di finocchio e se gradita la grappa. E’ anche il dolce usato per la festa dell’Epifania.

Pinza di pane: una tradizione della cucina povera. Riciclo di pietanze inutilizzate come il pane raffermo e aggiunta di ingredienti tipicamente invernali. (Photocredit: padovaoggi.it)

La Fugassa è un dolce pasquale della tradizione padovana, diffuso in tutta la regione. Viene confezionata come una colomba o un panettone, ma è tutt’altra cosa. L’impasto è dolce e può essere farcito con vari ingredienti a seconda delle varianti. Tuttavia non manca mai la glassa di zucchero e le mandorle.

La ricetta dei sugoli.

Il sugolo o sugoli è un dolce tipico della tradizione antica contadina nato nel periodo di vendemmia. Si usava spremere i chicchi d’uva uno ad uno, staccandoli dai raspi. Adesso il metodo più veloce è usare il mosto d’uva, appena pigiato, prima che inizia la fermentazione!

Il sugolo è nato nel periodo della vendemmia. (photocredit: muzzarellaaifornelli.ifood.it)

Ingredienti:
– 1 l  mosto d’uva bianca o rossa
– 80 g  farina 00
– 60 g  zucchero (dipende molto dal tipo di uva)
– servire con cannella o cacao amaro

Procedimento:
Dentro una pentola con il fondo alto o se possibile antiaderente si mette il mosto, lo zucchero e sulla fiamma bassa del fornello si mescola setacciando la farina. Mescolare sempre per circa 40 minuti, quando la consistenza sarà densa.
Versare sullo stampo o stampi e lasciare raffreddare anche a temperatura ambiente.
Servire con una spolverata di cannella oppure cacao amaro,oppure insieme a dei biscotti secchi.

Assapora il carattere di un territorio. Scopri i viaggi organizzati di BOSCOLO. Prenota ora!

Il Veneto e i suoi siti Patrimonio dell’Umanità.

Continuando il tragitto verso l’entroterra, Vicenza e i dintorni offrono come Patrimonio dell’Umanità le ville palladiane progettate dall’omonimo architetto Andrea di Pietro della Gondola, detto il Palladio. Sono 24 e sono disseminate nella provincia vicentina e in tutto il Veneto. Dando vita a ben otto itinerari diversi a seconda della zona. Simbolo della città sono la Basilica Palladiana, Palazzo Chiericati e il Teatro Olimpico. Inoltre, per chi ama la storia di Romeo e Giulietta, una tappa fondamentale sarà la Chiesa di Santa Corona dove si trovano i resti di Luigi Da Ponte, autore della commedia. Collegata a questa storia c’è Verona, la città degli innamorati. Rientra anch’essa tra i Patrimoni Unesco per la commistione di testimonianze antiche, come il teatro romano e l’Arena di Verona, e le numerose chiese di varie epoche.

L’Arena di Verona è uno dei monumenti che rendono maggiormente famoso il capoluogo veneto. (Photocredit: info-turismo.it)
Veneto e i suoi piatti tipici: Patrimonio Unesco da gustare.

Tra uno spostamento e l’altro si consiglia di rimettersi in sesto con i piatti tipici del posto. Da provare di sicuro è il baccalà ovvero il merluzzo essiccato. La preparazione conserva una lunga tradizione che si tramanda di generazione in generazione. Deve essere pestato e poi messo a bagno, meglio se in acqua corrente, per non meno di tre giorni. Gli ingredienti per la preparazione sono la cipolla, il latte e l’olio.

Trai tanti piatti tipici spiccano le specialità di baccalà alla veneziana e alla vicentina. (Photocredit: trattoriaorazio.it)

La sopressa è un salume tipico della provincia di Vicenza. Ogni anno si svolgono manifestazioni dedicate ad essa: una delle più famose è la Sagra della sopressa di Valli del Pasubio. Da accompagnare ai vini dei Colli Berici.

Visitare il Veneto, tra mare e montagna.

Sui Colli Euganei si trova invece il Laghetto della Costa, ad Aquà Petrarca, dove sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici che lo hanno fatto entrare di diritto tra i Patrimoni Unesco.
Per chi non sa decidere tra mare e montagna può trovare una via di mezzo in Veneto: da una parte le Dolomiti, Patrimonio dell’Umanità dal 2009 per la grande importanza naturalistica e per la grande bellezza. Dall’altra la zona del Lago di Garda, con la località Belvedere di Peschiera del Garda dove si trovano tre siti palafitticoli di età preistorica risalenti all’Età del Bronzo. Anche in questo caso, oltre all’importanza culturale e archeologica, si tratta di un luogo immerso nella natura, dove passeggiare ma anche dove scoprire qualcosa di nuovo.

Non perdere altri interessanti tour gastronomici in località Patrimonio dell’Umanità:

Necropoli di Tarquinia e Cerveteri – Patrimonio Unesco da gustare;

I Trulli di Alberobello – Patrimonio Unesco da Gustare;

Su Nuraxi di Barumini – Patrimonio Unesco da gustare;

Dolomiti – Patrimonio Unesco da gustare;

I Sassi di Matera – Patrimonio Unesco da gustare;

Cinque Terre – Patrimonio Unesco da gustare;

Venezia e la sua laguna – Patrimonio Unesco da gustare.

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente! Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE

La tua opinione per noi è molto importante.
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici


Potrebbe interessarti anche:
Condividi

Ultimi articoli

Carrara Studi Aperti: non solo botteghe ma anche visite guidate e passeggiate in e-bike

La nuova edizione di Carrara Studi Aperti mira alla riscoperta del territorio ai piedi delle…

6 Giugno 2024

Scoprire la Sicilia in barca a vela: quali sono le tappe imperdibili

Se si pensa all’estate, tra le mete italiane in cima alla wishlist c’è la Sicilia:…

19 Aprile 2024

Studenti all’estero e visti: la situazione attuale e gli scenari futuri

Studenti all'estero e visti: la situazione attuale e gli scenari futuri in Olanda, Australia, Canada…

3 Gennaio 2024

Parcheggio a lunga sosta: vantaggi e servizi offerti

Viaggiare è una delle attività più belle e gratificanti che possiamo fare. Che si tratti…

30 Novembre 2023

6 luoghi imperdibili da visitare a Barcellona

Barcellona, la capitale catalana della Spagna, è una città che incanta i visitatori con la…

10 Novembre 2023

Guida Completa per Soddisfare Ospiti Vegan, Sensibili al Glutine e Muslim Friendly

Sei pronto a trasformare il tuo ristorante o struttura di accoglienza in un luogo dove…

29 Settembre 2023