Vacanza in Città

Stai organizzando un viaggio in Tibet? Ecco cosa devi sapere

Prima di organizzare un viaggio in Tibet è necessario tenere conto di alcune informazioni decisamente molto importanti. Per prima cosa, ad esempio, bisogna sapere che servono più o meno 5 giorni rigorosamente lavorativi per poter ottenere i permessi necessari per partire. Proprio per questo motivo, è necessario muoversi per tempo.

Per quanto riguarda, invece, il periodo migliore in cui organizzare un viaggio in Tibet è opportuno tenere conto del fatto che il migliore è quello che va dalla fine della primavera e le prime settimane dell’autunno.

viaggio in Tibet (pixabay.com)

Viaggio in Tibet: quando è preferibile partire?

In ogni caso, è opportuno tenere a mente che tra febbraio e marzo viene festeggiato il Capodanno tibetano, il Losar, la festività più importante in Tibet. Viene celebrato per 15 giorni, ma i festeggiamenti più importanti si tengono per i primi tre giorni.

In merito, invece, alla primavera, in Tibet cade tra il mese di aprile e quello di marzo. L’ideale, quindi, sarebbe programmare il viaggio proprio in questo periodo.

Anche l’estate è un periodo buono per visitare il Tibet. In questo periodo, però, sono davvero moltissimi i turisti provenienti da ogni parte del mondo e, a meno che non si amino le località particolarmente affollate, è preferibile optare per altre date.

D’altro canto, in estate tutta la zona pullula di festival e consente a tutti i visitatori di scoprire da vicino tradizioni e culture locali. Inoltre, il clima è molto più caldo rispetto ai mesi primaverili e la quantità di ossigeno è più alta. Per tale ragione, si tratta del periodo preferito dai turisti.

viaggio in Tibet (pixabay.com)

Viaggio in Tibet in autunno?

I mesi d’autunno sono settembre e ottobre. In questo periodo i turisti non mancano affatto. Le condizioni climatiche sono perfette sia per chi ama le escursioni che per gli appassionati del campeggio e, dunque, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

L’unico periodo da non prendere in considerazione se si ha intenzione di organizzare un viaggio in Tibet è l’inverno. In inverno, infatti, il clima è particolarmente avverso. Se, però, proprio non se ne può fare a meno, la cosa migliore sarebbe optare per il mese di novembre in cui le tariffe sono particolarmente basse e il freddo ancora non è arrivato.

I documenti necessari per un viaggio in Tibet

Per entrare nel paese è necessario essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno. Per riuscire ad espletare tutte le pratiche, sarebbe opportuno inoltrare la richiesta circa 20 giorni prima della partenza.

Mal d’altitudine

Tra le curiosità in merito ai viaggi in Tibet c’è il fatto che alcuni turisti si sono trovati a fare i conti con il cosiddetto mal d’altitudine. Le montagne del Tibet sono molto altre e, per tale ragione, a tutti i turisti è consigliabile trascorrere qualche giorno a Lhasa non appena scesi dall’aereo in modo tale da abituare l’organismo. Se si dovesse avere qualche problema di salute prima della partenza, la cosa migliore sarebbe posticipare il viaggio al fine di evitare ulteriori complicazioni. Tra i consigli da tenere a mente c’è, poi, quello di bere molta acqua, di non appesantirsi a tavola, di non affaticarsi troppo e di fare attenzione agli sbalzi di temperatura.

Cosa visitare in Tibet?

In ultimo, facciamo un breve excursus su ciò che proprio non si può perdere se si ha intenzione di organizzare un viaggio in Tibet. Prima cosa, in occasione di un viaggio in Tibet è fondamentale visitare i famosi monasteri buddhisti oltre che i tipici villaggi tibetani.

Chi ha intenzione di approfondire la cultura tibetana, poi, non deve assolutamente perdere l’opportunità di visitare il monastero di Samye. E’ stato il primo monastero buddista costruito in Tibet, risale al VIII secolo. La sua forma è quella di un mandala, un disegno circolare che secondo la credenza buddista rappresenta l’universo.

In Tibet, poi, non si può che non ammirare i paesaggi incantati in cui i laghi e le montagne si alternano a bellissime valli incantate. Insomma, a questo punto non resta altro da fare che preparare i bagagli, espletare tutte le pratiche necessarie e partire.

Leggi anche:

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente! Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE

La tua opinione per noi è molto importante.
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici


Potrebbe interessarti anche:
Condividi
Pubblicato da
Roberto Mancini

Ultimi articoli

Cosa vedere in Marocco, alla scoperta delle sue meraviglie

Il Marocco è una meta affascinante, un Paese dell'area mediterranea, facente parte dell'Africa settentrionale, è…

26 Settembre 2022

Assicurazione viaggio e assicurazione vacanza: tutele ed utilità

Le vacanze sono alle porte e non avete ancora prenotato? Sempre più frequentemente al momento…

2 Agosto 2022

Perché usare una VPN mentre viaggi? Ecco i vantaggi

Hai mai pensato di usare una VPN durante i tuoi viaggi all’estero oppure in Italia?…

7 Giugno 2022

Trapani, Ostuni, Celle Ligure tre splendide località turistiche per tre location da sogno

Dalla Sicilia alla Puglia alla Liguria: per una clientela medio-alta dalla villa d’epoca di Trapani…

6 Giugno 2022

Poggio di Sermugnano, una scoperta continua… tra storia e tecnologia

Appassionati di posti remoti e sconosciuti, tenetevi pronti! C’è per voi una chicca straordinaria ed…

13 Aprile 2022

Cosa vedere a Torino: ecco quali sono i posti da non perdere

Torino è una città antica molto piacevole da visitare! Proprio come altre città italiane, alla…

12 Aprile 2022