Padova: Giotto e la Cappella Degli Scrovegni

Questa è l’opera di Giotto di Bondone c.1266-1337, nato a Colle di Vespignano nel Mugello vicino Firenze, più completa e quella realizzata quasi completamente dal grande maestro che ha rivoluzionato la pittura altomedioevale, inserendo concetti nuovi dove viene rivalutata la natura e la storia. I suoi personaggi non sono rappresentati come umili e asceti sofferenti ma come uomini pieni di dignità e grande peso morale i cui atti sono eccezionali, storici.

La Cappella degli Scrovegni e il grande Giotto a Padova

Nella Cappella, fatta costruire presso l’Arena da Enrico degli Scrovegni tra il 1303 e il 1305, Giotto ci appare nell’assoluta pienezza dei suoi mezzi. Rappresenta le storie della vita di Maria e di Gesù distribuite su tre fasce sovrapposte di trentasei riquadri. Sulla fronte ed ai lati dell’arco trionfale sono raffigurati la Missione dell’Eterno a Gabriele, l’Annunciazione, la Visitazione e il Tradimento di Giuda, mentre la parete opposta interna è affrescata con una grande rappresentazione del Giudizio Finale. La volta a botte a tutto sesto è invece affrescata con un cielo stellato e ritratti a mezzo busto iscritti in spazi rotondi, raffiguranti la Madonna con il Bambino, Cristo benedicente, Profeti e Santi.

Il tema trattato negli affreschi, è desunto in parte dai Vangeli apocrifi, prediletti dalle predicazioni monastiche. Giotto però lo interpreta con un tono molto più severo e pacato rispetto al ciclo assisiate. Il suo linguaggio formale è chiaro e ampio e rispecchia la profonda grandezza morale del suo animo. Qui rappresenta con monumentale , definitiva chiarezza anche i più semplici atti della vita quotidiana, basti vedere l’Annuncio a S. Anna dove è rappresentata un’ancella che fila nella piccola stanza attigua dove l’Angelo appare alla Madre di Maria. Questo semplice, umile spunto di vita domestica è servito a Giotto per rendere più convincente la realtà storica dell’evento sovrannaturale.

Nel Compianto di Cristo deposto la composizione trova unità senza tuttavia irrigidirsi in schemi simmetrici nella distribuzione dei vari personaggi attorno alla spoglia giacente. Calcolati respiri di spazi scandiscono nell’insieme l’impeto patetico del tema iconografico che viene esaltano da forme grandiose di blocchi impietriti.

Anche il paesaggio desolato partecipa attivamente al dramma con la nuda roccia della montagna che con la sua inclinazione discende verso la parte principale del gruppo di Maria e di Cristo . In questa scena la figura umana prevale in modo assoluto, quasi a preannunciare quello che sarà con l’umanesimo l’arte toscana del Rinascimento.

Arch. Renzo Mancini

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente! Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE

La tua opinione per noi è molto importante.
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici


Potrebbe interessarti anche:
Condividi
Pubblicato da
Roberto Mancini

Ultimi articoli

Cammini sul mare in Italia da fare assolutamente

In Italia ci sono più di 8.000 km di coste con bellissimi percorsi da fare…

18 Gennaio 2023

Cosa vedere in Liguria

Cosa vedere in Liguria? Sono pressoché infinite le mete da raggiungere: in questa guida, vi…

16 Gennaio 2023

Il mondo di Banksy nel cuore della Capitale

A Roma presso la stazione Tiburtina, l'artista Banksy ci delizia con una mostra che racconta…

10 Gennaio 2023

Cosa vedere in Sila

Cosa vedere in Sila, un Parco Nazionale esteso oltre 150.000 ettari fra la provincia di…

30 Dicembre 2022

Vacanze di Natale a New York

È sempre una grande emozione trascorrere le vacanze di Natale a New York, è un’esperienza…

27 Dicembre 2022

Galleria Spada: tra dipinti barocchi e false prospettive

Per trascorrere una domenica all'insegna dell'arte e della cultura, vi suggerisco di andare a visitare…

7 Dicembre 2022